Il primo fiore di zafferano di Laila Ibrahim, una delicata storia di affetti ambientata nella Virginia delle grandi piantagioni e degli sch...

Il primo fiore di zafferano di Laila Ibrahim, una delicata storia di affetti ambientata nella Virginia delle grandi piantagioni e degli schiavi.

Titolo: Il primo fiore di zafferano
Autore:  Laila Ibrahim
Editore: Amazon publishing
Pagine: 252
Prezzo E-Book: € 4,99
Prezzo Cartaceo: € 9,99
Genere: Narrativa Storica


SINOSSI UFFICIALE:

Nella Virginia delle grandi piantagioni e degli schiavi, la piccola Lisbeth Wainwright, primogenita di una ricca famiglia, è affidata fin dalla nascita alla balia Mattie, la schiava di colore costretta a separarsi dal figlioletto per accudire la neonata dei padroni. Tra le due si instaura un rapporto di grande affetto e complicità, che permette alla bambina di crescere nell’amore che i genitori non sono in grado di darle.

Mr. Wainwright è un padre insensibile e un convinto schiavista, Mrs. Ann è una madre fredda e attenta solo alle convenzioni sociali. Saranno Mattie e gli altri schiavi a colmare il vuoto affettivo della piccola Lisbeth, a mostrarle il vero valore delle cose e delle persone.

Mattie accompagna Lisbeth nella propria maturazione personale – da piccola di casa a giovane debuttante – e nella scoperta delle bellezze e dei dolori del mondo. Ma un legame talmente forte tra due realtà così diverse non sarà immune dai pericoli di un’epoca segnata dall’ingiustizia. Se Mattie dovrà affrontare fino in fondo la crudeltà dello schiavismo, Lisbeth imparerà a conoscere un senso della vita che le farà sfidare le convenzioni di quegli anni.

Il primo fiore di zafferano è la storia di queste due donne che sfidano il proprio tempo e lottano per la conquista della propria libertà e della dignità.



Il terzo volume della serie Veneziano di Maria Luisa Minarelli: Sipario Veneziano, ambientato nel mondo dei teatri della Serenissima, tra intrighi, splendore e miserie umane.

Titolo: Sipario Veneziano (Veneziano Series Vol. 3)
Autore: Maria Luisa Minarelli
Editore: Amazon publishing
Data di uscita: 8 Ottobre
Pagine: 286
Prezzo E-Book: € 4,99
Prezzo Cartaceo: € 9,99
Genere: Giallo, Thriller


SINOSSI UFFICIALE:

La terza indagine di Marco Pisani, avogadore a Venezia.

La vigilia dell’Ascensione del 1753 il teatro San Giovanni Grisostomo di Venezia ospita la prima dell’opera del celebre compositore Matteo Velluti. A esibirsi saranno, tra gli altri, l’evirato cantore Lorenzo Baffo, detto il Muranello, e la bella Angela Fusetti. Dietro le quinte però c’è grande agitazione: Momo, il factotum gobbo del teatro, è scomparso. E quando Marco Pisani, che assiste allo spettacolo insieme all’amico dottor Valentini e a Daniele Zen, si reca a casa di Momo, lo trova a terra, esanime. Potrebbe essere morte naturale, ma qualcosa non convince l’avogadore e i suoi amici. Prima di tutto, Momo non era malformato come tutti credevano: la sua finta gobba, munita di cinghie, giace infatti su una sedia. Sarà l’autopsia a rivelare che l’ambiguo factotum è morto avvelenato. E non solo. Momo era anche castrato.

In una Venezia in piena festa della Sensa, tra palcoscenici e costumi fastosi, sedicenti maghi e alchimisti, donne di malaffare, soprani, sopranisti e musicisti, Marco Pisani si trova coinvolto in un’indagine complessa, in un rebus apparentemente senza soluzione, che dalla sua città bella e decadente lo porterà a cavalcare fino a Bologna, per una soluzione inaspettata che si trasformerà in un atto di giustizia.


Per lettori incalliti come noi quando si parla di sconti siamo sempre in estasi, quindi non potevamo non condividere con voi la notizia...


Per lettori incalliti come noi quando si parla di sconti siamo sempre in estasi, quindi non potevamo non condividere con voi la notizia dello sconto 50% su tutto il catalogo Les Flaneurs Edizioni per il fine settimana del 1 e del 2 ottobre.
I titoli sono davvero tantissimi e spaziano dalla narrativa contemporanea al fantasy, romance e molti altri generi. Nel sito dell'editore potrete trovarne per tutti i gusti.
Non mi resta che augurarvi buoni acquisti!
http://www.lesflaneursedizioni.it








Oggi miei lettori dall’animo scintillante, vi scrivo per presentarvi un’autrice che ho avuto modo di apprezzare già l’anno scorso: sto par...


Oggi miei lettori dall’animo scintillante, vi scrivo per presentarvi un’autrice che ho avuto modo di apprezzare già l’anno scorso: sto parlando di Bianca Rita Cataldi, una poliedrica ragazza capace di sorprendere e deliziare con i suoi romanzi. Personalmente, oltre al fatto che  la ritengo una persona simpaticissima e di talento, ho avuto modo di apprezzarne ulteriormente la bravura, leggendo il primo libro della trilogia Riverside. Inutile dirvi che dovete sfogliarlo per carpirne le forti emozioni e i sentimenti più nascosti, ma a mio avviso, vale assolutamente la pena conoscere personaggi delicati e forti come Amabel, o impertinenti e misteriosi giovanotti come Damian. Ma non mi dilungo. Sono qui in veste di “presentatrice” del secondo libro della trilogia, intitolato Dollhouse che, sono sicura rapirà il mio cuore ancora una volta (grazie tante rossa dei miei stivali!). Vi lascio alle informazioni più dettagliate.

Titolo: DOLLHOUSE (Riverside #2)
Autore: Bianca Rita Cataldi
Numero di pagine: 150ca
Formato: ebook
Prezzo: 1,99 €
Link d’acquisto:   https://www.amazon.it/Dollhouse-Riverside-2-Saga-ebook/dp/B01LDKWMGA

LA TRAMA:
Riverside, Regno Unito. Dopo il traumatico risveglio in una realtà parallela che non le appartiene, Amabel riesce suo malgrado ad ambientarsi, trovandosi finalmente a suo agio tra i suoi allievi della Lucretius Grammar School, l’amabile collega Rachel e l’impertinente Damian, un suo giovane alunno che è anche il suo unico contatto con la realtà dalla quale proviene. Benché si stia ormai abituando all’insolita situazione, Amabel è comunque costretta a continuare le sue ricerche al fine di comprendere i motivi di ciò che le è accaduto e trovare un modo per tornare a casa. Intanto, l’incubo della bambola dai capelli rosa torna a visitarla dopo sei anni di silenzio. Come Amabel scoprirà ben presto, il segreto dei suoi incubi affonda le sue radici in un’antica favola slava della quale dovrà conoscere ogni aspetto per capire la complessità della sua situazione. Tuttavia, qualcosa trama nell’ombra e Amabel dovrà stare all’erta: è sufficiente un solo errore per spezzare per sempre l’equilibrio e far precipitare Riverside nella rovina.

Siccome mi sento un diavolo tentatore ( chiedo venia, necessito di persone insane che mi comprendano), vi lascio la trama anche del primo libro, RIVERSIDE:
Riverside, Regno Unito. Le quattro e mezzo di un pomeriggio qualunque. Una scuola abbandonata e cadente alla fine di Silverbell Street. Come la venticinquenne Amabel scoprirà presto, non si tratta di un edificio qualunque: al suo interno, i banchi sono ancora al loro posto e si respira, nell’aria, polvere di gesso. Tutti gli orologi, da quello al di sopra del portone d’ingresso sino al pendolo del salone, sono fermi alle nove e diciannove di chissà quale giorno di chissà quale anno. Cosa è accaduto nella vecchia scuola? Quale evento è stato così sconvolgente da fermare il tempo all’interno di quelle mura? E soprattutto, chi è quel ragazzo in divisa scolastica che si presenta agli occhi di Amabel affermando di frequentare la scuola, benché quest’ultima non sia più in funzione da anni? Tra passato e presente, Bianca Rita Cataldi ci guida in un mondo in cui gli eventi possono modificare lo scorrere del tempo, dimostrandoci che ognuno di noi ha un proprio universo parallelo col quale, un giorno o l’altro, dovrà scendere a patti.
E visto che vi voglio particolarmente bene, ecco a voi dei piccoli passaggi tratti dai due romanzi.
Voglio riconoscere che la tua bellezza non è solo una maschera. Suonava bene, come fosse il verso di una canzone. E richiamava un po’ quel I want to reconcile the violence in your heart che aveva trovato nel compito. […] detestava il suo sguardo, quegli occhi blu che le mettevano la paura addosso e che le ricordavano i fondi profondi delle bottiglie senza fondo nelle quali guardava quand’era bambina, ogni volta che doveva versarsi un bicchiere d’acqua.”- Riverside


Se una stella curiosa si fosse spinta un po’ più in là e avesse avuto il coraggio di attraversare i vetri delle finestre col suo sguardo, avrebbe visto tante vite giovani che ballavano e si stringevano e poi si lasciavano, volteggiando sul pavimento tirato a lucido del salone centrale.”- Dollhouse

Prossima pubblicazione della serie:

REWIND (Riverside #3): 2 novembre 2016
LAST CHRISTMAS (Riverside #1.5): dicembre 2016
STARLIGHT (Riverside #0.5): 2017
DAMIAN (Riverside Spin-Off): 2017




L’AUTRICE:
Bianca Rita Cataldi è nata nel 1992 a Bari dove ha conseguito la laurea magistrale in Filologia Moderna e si sta attualmente diplomando in pianoforte. È editor, correttrice di bozze e formatrice. Finalista al Premio Campiello Giovani 2009, ha esordito nel 2011 con il romanzo Il fiume scorre in te, edito senza contributo da Booksprint Edizioni. Il suo secondo romanzo, Waiting room, si è classificato finalista del Premio Villa Torlonia 2012 ed è stato pubblicato nel 2013 da Butterfly Edizioni, conquistando nel 2015 il primo posto del Premio Letterario Internazionale Maria Messina. Da agosto 2015 è in tutte le librerie Isolde non c’è più, Les Flâneurs Edizioni, menzione speciale al Golden Book Awards 2016. È socia ordinaria del Movimento Internazionale Donne e Poesia e ha contribuito alla fondazione del portale logokrisia.com

Potete inoltre sclerare con l’autrice e seguirla attraverso:
Pagina Facebook: http://www.facebook.com/biancaritacataldi
Blog: http://biancacataldi.blogspot.it/
Twitter: @biancacataldi
Instagram: @biancacataldi

Salve lettori cavalca viverne, come state affrontando questo cambio di stagione? Io ho già salutato il raffreddore e il mal di tes...



Salve lettori cavalca viverne, come state affrontando questo cambio di stagione? Io ho già salutato il raffreddore e il mal di testa, ma nonostante ciò non potrei mai odiare l’autunno. Prima che la  connessione decidesse di abbandonarmi e farsi un viaggetto alle Bahamas- per poi ritornare saltuariamente e far finta di preoccuparsi della mia sanità mentale (si dipendo da internet a tutto spiano!)- ho avuto modo di vedere ben sei anime! Peggio delle ciliegie e dei dolci, un episodio tirava l’altro, fino a che è diventata una pseudo dipendenza (ci tengo ancora a non affermare totalmente di aver perduto il senno). Così, tra una smorfia e l’altra al demoniaco modem, in questa puntata ho deciso di rendere anche voi partecipi dei miei folli scleri e di raccontarvi un po’ cosa ho amato e cosa no, di due dei sei “mostri nipponici”. Premetto di aver spaziato  tra i vari generi non per scelta, ma per una mera casualità. La selezione- il più delle volte- è stata dettata dai disegni e dalle storie strane o bizzarre. 
HAKUOKI
Il primo in assoluto che mi ha letteralmente conquistata, è Hakuoki, un anime tratto da un videogioco basato sulla Shinsengumi (uno speciale corpo di polizia, istituito durante il periodo dello shogunato Tokugawa) formato da due serie principali, sei OAV, un prequel, e due film per il grande schermo. La prima serie  ( 12 episodi), intitolata Hakuouki Shinsengumi Kitan, si apre con il salvataggio della protagonista Chizuru Yukimura, una ragazza che si reca a Kyoto alla ricerca del padre Kodou, un medico praticante la medicina occidentale. Appena arrivata in città, si imbatte  dapprima in alcuni uomini malintenzionati, poi nei Rasetsu (pseudo vampiri nati dall’Ochimizu, un elisir che aumenta le capacità di guarigione, ma che priva la persona del senno) creati da suo padre. Chizuru però, ha  la fortuna di essere salvata dai membri della Shinsengumi- che da tempo sono sulle tracce dei mostri- e di essere ospitata nel loro quartiere generale. Attraverso i vari episodi assistiamo ai reali avvenimenti storici che misero in ginocchio il Giappone tra il 1862 ed il 1869, e ai vari  cambiamenti culturali e politici dell'epoca.  A rendere tutto più coinvolgente poi, ci sono i capitani delle divisioni interne della Shinsengumi, abili guerrieri dai radicati valori.
Hijikata Toshizu, vice comandante, prende la maggior parte delle decisioni ed è temuto e rispettato dai suoi uomini ( e aggiungerei ha il fascino del bello e dannato tanto da far innamorare anche i petali dei ciliegi in fiore); Souji Okita, capitano della prima divisione, presenta un carattere ribelle, sarcastico e a tratti spietato (cosucce da nulla se vi soffermate al suo aspetto esteriore); Hajime Saito, capitano della terza divisione e maestro nell'uso della spada si rivela silenzioso, taciturno, saggio e leale e rappresenta la parte diplomatica del gruppo (il fascino dell’ombroso introverso gli si addice perfettamente); i tre chiassosi del quartiere Shinpachi Nagakura (capo seconda divisione) Sanosuke Harada (capo decima divisione), Heisuke Todo, guerrieri provetti che nel tempo libero si dilettano tra bevute e bravate; Keisuke Sannan, vice comandante come Hijikata, e studioso del gruppo; ed una infinità di personaggi che non sto qui ad elencarvi ancora.  Nella seconda serie, intitolata Hakuōki Sekkaroku (10 episodi), ritroviamo bene o male gli stessi personaggi, ma con ambientazioni e costumi diversi: dopo le molteplici perdite subite dalla Shinsengumi negli episodi della prima stagione, i guerrieri- seppur a malincuore- abbandonano le loro tradizioni, i loro usi e costumi, per omologarsi e restare al passo con i tempi, ormai moderni. Assistiamo al congedo del kimono e all’adozione delle divise occidentali fatte di giacche, pantaloni, stivali, bottoni e camice. E molteplici sono le guerre, i tradimenti, e le ritirate  che i protagonisti si ritrovano a subire.
  La differenza tra le due stagioni, risiede proprio nel fatto che mentre  nella prima assistiamo alla crescita, alle vittorie sudate, e alle conquiste della Shinsengumi, nella seconda, il nostro speciale corpo si avvia al declino insieme all’utilizzo della katana e della spada corta.  Le emozioni suscitate da questo anime sono fortissime e contrastanti. Troverete valori come il coraggio, la determinazione, l’amicizia, l’onore, e l’orgoglio, insieme alla nobiltà d’animo mostrata dai guerrieri, e la loro compassione nei confronti dei deboli. Non manca inoltre l’elemento romantico, anche se non rappresenta il fulcro della storia e non è così esposto. Personalmente, mi sono innamorata perdutamente di questo anime per le ambientazioni, i sentimenti che suscitano vicende e personaggi, il pathos che si avverte forte e chiaro, la drammaticità di fondo, i disegni spettacolari, le musiche da brividi e il temperamento ed il carattere di Hijikata Toshizu, muro portante della serie.
Ciò che ho apprezzato un po’ di meno è il personaggio femminile di Chizuru Yukimura. A mio avviso, poteva avere apparizioni più marcate e un ruolo più incisivo.  Nel complesso però, la sua presenza non disturba.
Per quanto riguarda il prequel (12 episodi), intitolato  Hakuouki: Reimei-roku, segue le vicende dei personaggi sopracitati, durante i mesi antecedenti la nascita della Shinsengumi. Ne riporta sogni, speranze, fede, relazioni sociali, e caratteristiche peculiari. Gli OAV invece, sono sei episodi incentrati  ciascuno  sul rapporto tra un guerriero e Chizuru. Ed infine, i due film che, altri non sono che un riassunto generale delle prime due stagioni, presentanti però degli elementi e dei finali differenti.  Da lettrice compulsiva quale sono, non ho potuto fare a meno di richiamare alla memoria una scrittrice che in me ha suscitato emozioni simili, grazie alla sua saga. Sto parlando di Bianca Marconero e di Albion che, di virtù e valori ne hanno da vendere tanto quanto Hakuoki.

NORN9
Passiamo ora al secondo anime. Un fantasy-distopico-storico-fantascientifico. E vi starete chiedendo cosa mi sarò bevuta ( niente, la vendemmia a casa mia è già passata). Lo definisco così, per il semplice fatto che è un anime sbalorditivo che presenta un insieme di elementi che potrebbero stonare se messi insieme, ma che in questo caso creano un tripudio di bellezza. Sto parlando di Norn9.
Anche in questo caso, ci troviamo difronte ad un  anime prodotto da un videogame e pubblicato dalla santissima Idea Factory.  La storia è abbastanza complicata ( mettetevi comodi).  A bordo della gigantesca nave volante Norn, vivono due ragazze e nove giovani uomini con delle capacità particolari, prescelti dalla stessa struttura per uno scopo superiore.  La nave ha una forma anomala: si tratta di un mondo di meraviglie pregno di spazi aperti, luoghi incantevoli, cascate, un cielo sereno, delle dimore, una biblioteca, dei ruderi e chi più ne ha più ne metta.  Sulla terraferma invece, le città sono spente, arretrate, e hanno quell’effetto seppia, molto simile  a nostri anni del dopoguerra o a quello dell’era Meiji o Taisho in Giappone.
Tutto cambia il giorno in cui la nave Norn decide di fermarsi per far salire a bordo una nuova ragazza ( nonché la protagonista): Koharu, una diciassettenne dai capelli rosa che non ricorda quasi nulla del suo passato (compreso il suo vero nome), e che nonostante la sua abilità di manipolare il fuoco, si rivela essere una persona timida e timorosa. Non passa però inosservata agli occhi di Kakeru Yuiga, un diciottenne con l’abilità di far crescere piante e spazi verdi che, nonostante le reticenze altrui, si presenta come un ragazzo aperto, disponibile e con un’inclinazione naturale per la leadership. Koharu comincia ad ambientarsi e si ritrova a stringere amicizia con le due ragazze già presenti sulla nave: Mikoto Kuga, una ragazza dai lunghi capelli neri con un carattere aggressivo e forte,  la cui abilità è quella di creare scudi difensivi; e Nanami Shiranui, una giovane ninja, dal carattere apparentemente tranquillo, capace di cancellare ricordi altrui.
Degni di menzione sono anche i ragazzi: Senri, un adolescente con il potere di controllare l’acqua; Masamune, capace di scoprire il passato di una persona con un  semplice contatto; Sakuya, amico di infanzia di Mikoto, con l’abilità di prevedere il futuro; Itsuki, un ragazzo capace di manipolare i sogni; Akito, giovane uomo scontroso con la stessa abilità di Senri; Heishi, telepate; ed infine Ron, la cui straordinaria abilità è quella di usare le pistole. A loro poi si aggiunge anche un ragazzino, Sorata, dell’epoca Heisei che, attraversa il passato dopo aver sentito una canzone misteriosa. E fin qui tutto bene, se non fosse che questi ragazzi dalle abilità speciali vengono riuniti per compiere un Reset storico. Si scopre così che in un’epoca lontana, uno scienziato aveva creato un marchingegno dalle sembianze umane capace di avviare ( insieme ai 12 ragazzi) un  reset del mondo, in momenti di crisi e guerra. I ragazzi di Norn credono di essere nel 1919, ma le tecnologie avanzate della nave non coincidono con l’arretratezza terrestre: il mondo è arrivato all’ultimo reset possibile e il 1919, altri non è che l’inizio di un nuovo ciclo di storia avviato dal penultimo Reset storico. A conti fatti si trovano nell’8000 inoltrato. Personalmente di questo anime ho apprezzato i disegni modernissimi e perfetti; i colori tenui e a tratti splendenti e irreali; l’intreccio di diversi generi; e le musiche delicate e coinvolgenti. Inoltre, le ambientazioni quasi fiabesche di Norn, i suoi personaggi magici e straordinari, e la semplicità e la povertà degli scenari terrestri mi ricordano tanto due scritti importanti della nostrana Angela C. Ryan: Le Cronache di Edenir e Biscotti alla vaniglia. 

Dopo un post lunghissimo, in cui ho versato praticamente- quasi- tutti i pensieri, vi do appuntamento alla prossima puntata in cui vi parlerò di altri due anime e dei relativi libri che la mia (strana) mente collega.

TITOLO: Griff Montgomery - Quarterback  TITOLO ORIGINALE: Griff Montgomery - Quarterback  AUTORE: Jean C. Joachim  AMBIENTAZIONE:...



TITOLO: Griff Montgomery - Quarterback 
TITOLO ORIGINALE: Griff Montgomery - Quarterback 
AUTORE: Jean C. Joachim 
AMBIENTAZIONE: Connecticut – New York  
TRADUZIONE: Elena Turi 
COVER ARTIST: Dawné Dominique 
GENERE: Sport Romance 
FORMATO: Ebook - Cartaceo 
PAGINE: 286 
SERIE: First & Ten 
PREZZO: 4,99 € su Amazon e Kobo 
DATA DI USCITA: 27 settembre 2016 

Due persone, due tragedie, due segreti devastanti.  
Griff Montgomery è il plurititolato quarterback e rubacuori dei Kings. È un donnaiolo alto un metro e novantacinque, di trentatré anni.  
Lauren Farraday è una bellissima arredatrice d’interni, amaramente segnata dal divorzio, la cui vita sta cadendo a pezzi.  
Anche se con violenza si scontrano uno contro l’altro in tribunale per amore di un carlino – lei pensa che lui sia arrogante e presuntuoso, lui pensa che lei sia una puttana su ruote – succede qualcosa… 
Ecco le premesse di questo romanzo frizzante, pieno di passione, il primo di una nuova serie che saprà stuzzicare tutte le amanti del football americano, e che rimarranno incollate fino all’ultima pagina. 
Griff sembra un supereroe con i suoi capelli mogano arruffati, il suo sorriso abbagliante, gli occhi scuri e sexy e un corpo che in un paio di jeans stretti è qualcosa di indescrivibile.  
Anche se Lauren ha giurato di rinunciare per sempre agli uomini, un solo sguardo verso quell’uomo le fa scendere brividi lungo la schiena, facendola sentire più sola che mai.  
I suoi lunghi capelli, quegli occhi verdi brillanti e le curve mozzafiato, faranno formicolare le dita al quarterback, al solo pensiero di poterla toccare.  
Come faranno ad affrontare la loro crescente attrazione? Saranno in grado di abbandonare le loro facciate, quella di Griff per camuffare il dolore per la partenza della sorella e dei nipoti, ai quali ha fatto da padre negli ultimi dieci anni… e quella di Lauren dovuta alla separazione dal marito e alla perdita di un bambino? 
Per Griff l’idea di innamorarsi è una cosa nuova, talmente strana che per lui sarebbe come indossare le ballerine e un tutù. Per Lauren sarebbe come mettersi le scarpe con i tacchetti e un casco, e correre le cinquanta yarde.  
Riusciranno? Ci proveranno? Rischieranno? Non vi resta che scoprirlo.


L'AUTRICE: Jean Joachim è un’autrice di romance di successo e i suoi libri sono in cima alla classifica Amazon Top 100 fin dal 2012. The Renovated Heart ha vinto il premio Miglior Romanzo dell’Anno del Love Romances Café, Lovers & Liars è arrivato tra i finalisti del RomCon del 2013, e The Marriage List ha conquistato il terzo posto nella classifica Miglior Romance Contemporaneo del Gulf Cost RWA a pari merito con un altro romanzo. Jean è stata nominata Miglior Autore dell’Anno nel 2012 dalla sezione di New York dell’associazione Romance Writers of America. 
Moglie e madre di due figli, Jean vive a New York City. Solitamente, di mattina presto la si può trovare al computer a scrivere mentre beve una tazza di tè, con al suo fianco Homer, il carlino che ha salvato, e la sua scorta segreta di liquirizia nera. 


Titolo: DUE CUORI E UNA BORSETTA Autore: CHRISTINA B. ASSOUAD Editore: RIZZOLI Pagine: 134 Prezzo E-Book: € 2,99 Genere: ROMANCE CONTEM...

Titolo: DUE CUORI E UNA BORSETTA
Autore: CHRISTINA B. ASSOUAD
Editore: RIZZOLI
Pagine: 134
Prezzo E-Book: € 2,99
Genere: ROMANCE CONTEMPORANEO
Serie: LIBRO CONCLUSIVO


SINOSSI UFFICIALE:

Toglietemi tutto, ma non la mia borsa!

La collezione autunno-inverno delle borse Martin-Dubois è stata un successo e Giulia Corsi viene convocata dall’amministratore delegato in persona. È il suo momento, quello che stava aspettando da tanto tempo: la promozione, finalmente, e il trasferimento nella sede di San Francisco? Più o meno: Giulia deve prima passare ben tre mesi nel sonnolento borgo marchigiano di Piane di Petrella, per seguire da vicino la produzione delle borse. Per una milanese dal passo veloce e dal ritmo serrato, abituarsi a un paese in cui l’evento mondano più atteso è la festa di San Crispiero è un’impresa quasi impossibile. Solo una cosa è ancora più faticosa: tollerare Vincenzo, un enologo dalla grande carica virile e dal carattere piuttosto arrogante. Ma i giorni passano, e Giulia scopre che le prime impressioni a volte ingannano… ma proprio alla vigilia della sfilata succede l’irreparabile. Non le resta che arrendersi e tornare a Milano! A meno di un intervento divino…
Un romanzo ricco di sorprese. Come la borsa preferita di ogni donna.


LA MIA OPINIONE:

Un rosa originale che si tinge di un’inebriate tonalità rosè!

Amore e moda, realismo e ironia, vanità femminile e universo lavorativo potrebbero sembrare termini agli antipodi eppure in questo originale romanzo breve l’autrice ha saputo sfruttare in maniera leggera, con semplicità ed efficacia, dei connubi inaspettati. La storia è molto scorrevole, forse un po’ prevedibile per alcuni versi ma con delle trovate divertenti e mai sopra le righe che ne fanno una lettura molto godibile, ricchissima di dettagli curati alla perfezione e che si legge con piacere. Una commedia frizzante e divertente con un romanticismo bello e reale; i sentimenti narrati infatti sono credibili, come lo potrebbe essere in parte la trama, ci sono ovviamente dei lati divertenti volutamente enfatizzati ma la bravura dell’autrice è anche quella di renderli veritieri. Molto apprezzabile anche l’ambientazione italiana della storia che si svolge in uno sperduto borgo delle Marche, vivido e descritto in modo filmico tanto che al lettore sembrerà di essere presente durante le disavventure della protagonista in questi luoghi, una milanese doc in trasferta forzata nelle campagne. Con stile brioso ed un'ottima capacità narrativa Christina B. Assouad riesce a dare vita a una trama con elementi semplici che si rivela però intrigante e coinvolgente. Umorismo e sentimenti si intrecciano alla perfezione in questo romanzo che quasi in modo corale racconta la storia non solo dei due protagonisti ma di una comunità interessante a cui ci si affeziona. Uno dei lati più belli di questo libro però è, a mio avviso, il modo in cui l’autrice ha saputo inserire con garbo nella storia un messaggio trasversale molto moderno, nascosto tra le righe ma presente e molto apprezzabile. Il mood ironico prevale ma non è prevalente, infatti l’equilibrio degli elementi in questo romanzo gioca un ruolo fondamentale, diventa il fulcro e il cuore di una storia positiva e dolce, bella nella sua semplicità e apprezzabile per personaggi un po’ eccentrici ma con quel pizzico di originalità ben dosata che da brio a questa novella suggestiva, divertente e piena di sentimenti genuini!


GIUDIZIO COMPLESSIVO:

 = OTTIMO


Care lettrici del blog, è da molto che non parliamo di SciFi , quindi eccomi qui per rimediare con la segnalazione di due letture targate ...


Care lettrici del blog, è da molto che non parliamo di SciFi, quindi eccomi qui per rimediare con la segnalazione di due letture targate Indigo Project.


“Se non riesci a salvare una sola persona, come puoi liberare l’umanità intera?”

Una nave di evasi comandata dall’enigmatico Manàs s’introduce in una stazione in mano agli invasori alieni con l’aiuto della musica, bandita dal nemico che la ritiene responsabile di passioni proibite. Lo scopo del manipolo di dissidenti è rapire Melissa, cronista blasonata dal regime, e raggiungere lo scalo dove sta per scoppiare una rivolta per opera delle cellule di resistenza. Nel corso del viaggio, Melissa dovrà trasmettere messaggi agli umani ‘dormienti’ e convincerli che la telepatia aliena li ha assuefatti a una serenità solo apparente. Lei stessa ha una visione distorta e Manàs può redimerla solo forzandola con la telepatia che scorre nelle sue vene di sanguemisto. Per fare questo, però, dovrà lottare contro tutte le emozioni soffocate in un’intera esistenza da ribelle...

Titolo: INDIGO PROJECT Il ritmo delle stelle

Autore: Indigo Project

Pagine: 201

Prezzo: € 2,99 (solo digitale)




“Nella lotta per il progresso, la natura rimane il più antico e potente fattore dell’universo.”

Un’équipe di scienziati sta sperimentando viaggi nel Paleolitico, quando Eva, addetta al salto, si trova coinvolta in un curioso gioco di seduzione. Non è professionale nascondere dettagli ai colleghi, ma il capobranco è intelligente, e non la vede come la Musa ispiratrice della sua pittura rupestre. Anzi, si mostra seccato per questa presenza che appare e scompare come un animale in grado di mimetizzarsi per dispetto. E non è proprio questo il più affascinante conflitto da sperimentare dall’alba dei tempi?

INDIGO PROJECT ha pubblicato la space opera distopica “Il ritmo delle stelle” (romanzo) e il time travel “Kabaa delle caverne” (racconto lungo), entrambi sci-fi romance.

Titolo: INDIGO PROJECT Kabaa delle caverne

Autore: Indigo Project

Pagine: 64

Prezzo: € 0,99 (solo digitale)




Titolo: DOLCI PASSIONI Autore: DANIELA PERELLI Editore: RIZZOLI Pagine: 100 Prezzo E-Book: € 2,99 Genere: ROMANCE CONTEMPORANEO Serie:...

Titolo: DOLCI PASSIONI
Autore: DANIELA PERELLI
Editore: RIZZOLI
Pagine: 100
Prezzo E-Book: € 2,99
Genere: ROMANCE CONTEMPORANEO
Serie: LIBRO CONCLUSIVO


SINOSSI UFFICIALE:

La vie en rose!

Si dice spesso che gli opposti si attraggono. Ma se invece due persone si incontrano e capiscono di avere la stessa passione, cosa potrà mai accadere?
Grayson, un giovane imprenditore da poco a capo di un importante biscottificio a Parigi, è finalmente riuscito a realizzare il proprio sogno. Anche Evelin ha appena realizzato il proprio sogno, grazie a un regalo del tutto inaspettato: ha aperto una piccola pasticceria, guardacaso proprio a Parigi.
Galeotta sarà rue Violet: una stradina popolata da abitanti bizzarri ma gentili, che sarà teatro di momenti romantici, commoventi e divertenti.
Un romanzo delizioso e profumato come un biscotto appena sfornato, da leggere e assaporare con cura.


LA MIA OPINIONE:

Una dolcissima favola moderna che profuma di zucchero!

In questo romanzo breve l’autrice ha voluto intrecciare alcuni elementi molto classici del rosa: due bei protagonisti, il fascino di Parigi e l’arte della pasticceria che fanno da scenario ad una storia d’amore tenera e realistica. Al contrario di quello che si potrebbe pensare però in un primo momento, in un panorama letterario che spesse volte gioca sugli eccessi, il leggere una novella confortante e calda come una coccola diventa il fulcro e il punto di forza della storia. La trama infatti scorre senza forzature letterarie, colpi di scena improbabili, passati tormentati o storie d’amore difficili; per tutta la durata del romanzo il lettore potrà godersi un piccolo dolcetto, una storia tra due anime che si riconoscono, bella proprio perché dolce e avvolgente. La semplicità della storia, la fluidità dello stile e la dolcezza dei sentimenti trasformano questa lettura veloce in un rosa bello nel senso più vero del termine, una novella con il potere antidepressivo della dolcezza e una lettura veloce che dà la stessa soddisfazione di un biscotto. Lo stile diretto e piacevole rende completo lo sviluppo delle vicende, in poche pagine l’autrice riesce a dipingere ottimamente gli eventi e i personaggi, una storia d’amore tenera e piena di sentimento che donerà a fine lettura tanto ottimismo e un pizzico si speranza. La protagonista di Dolci Passioni, Evelin, durante il racconto rivisiterà in modo inaspettato una ricetta della nonna creando dei biscotti speciali, un piccolo fatto che però rappresenta magnificamente questo romanzo che ha saputo infatti rivisitare la ricetta classica del rosa con uno stile nuovo e fresco, dando vita ad una storia realistica e molto dolce. Nonostante si parli molto di dolci e di sentimenti non c’è stucchevolezza nella trama, ma il racconto di una realtà bella e possibile, fragrante e profumata, costellata di eventi simpatici e da situazioni reali che accompagna il lettore in una lettura di puro intrattenimento tutta da leggere e da gustare con tante emozioni e molto romanticismo.


GIUDIZIO COMPLESSIVO:

 = OTTIMO



Salve lettori dalla penna scintillante, come state affrontando il rientro dalle vacanze? Io personalmente non ho avvertito molto la diffe...


Salve lettori dalla penna scintillante, come state affrontando il rientro dalle vacanze? Io personalmente non ho avvertito molto la differenza. Sarà che quest’anno non ho “salutato” nemmeno da lontano quegli ipotetici giorni di riposo. Ma non mi abbatto! Al contrario, sono felicissima che l’autunno sia alle porte e  una nuova stagione editoriale si affacci con una moltitudine di novità libresche. Però, personalmente non amo queste fredde e nostalgiche stagioni solo per la temperatura e la felicità che può suscitarmi una giornata di pioggia. Niente affatto! L’autunno per me è sempre stato il simbolo di rinascita, di ritorno  e di una carrellata di cose che possono farmi felice come nuove stagioni di serie tv, film attesi da mesi e mesi, il mio compleanno, e Natale ( ebbene si, io ci penso già da ora!). Ma bando alle ciance. Oggi sono qui per presentarvi qualcosa di diverso, un’idea nata e proposta (dopo una giornata di sclero seriale) per una delle persone a cui tengo di più.  Una scrittrice talentuosissima che, grazie alla volontà di una qualche divinità benevola, è diventata una grande amica per me. E proprio grazie a questa amicizia ho scoperto di avere tantissime cose in comune con lei, tra cui anche il famigerato e tanto sognato Ross Poldark. Non a caso, ho chiesto ad Angela C. Ryan ( che conoscete per Tutta la pioggia del cielo, le Cronache di Edenir, le Star Heroes Chronicles e The Shadow Saga- scritta a quattro mani con Patrisha Mar) di diventare per un giorno una blogger e regalare a me e a i suoi lettori un post dedicato interamente ai Poldark. Ovviamente desiderio esaudito! Quindi, non mi dilungo oltre e vi lascio ai pensieri di Angela.

Buona lettura!

POLDARK SECONDO ANGELA C. RYAN

Ross Poldark. Basterebbe questo nome per dare un senso a un’intera pagina bianca non ancora scritta o per evocare pensieri d’amore e peccato, ma tenterò di mantenere un atteggiamento professionale e inizierò questo articolo con alcuni cenni storici. Ross Poldark è una saga romanzesca partorita dalla mente di Winston Graham (benedetto sia lui), cominciata nel lontano ’45. Un anno felice, non solo per la fine della guerra, ma anche per la nascita di un eroe letterario che pochi conoscono. Insomma, non stiamo parlando mica del solito Mr. Darcy. Ross Poldark non è famoso come il suo esimio collega, ma per chi non avesse letto i libri o visto la serie, posso assicurarvi che allo stimato Darcy, non ha proprio nulla da invidiare. Se di Darcy abbiamo potuto ammirare le possenti membra sotto la camicia bagnata (nella serie BBC), di Ross Poldark possiamo ammirare spalle, pettorali, deltoidi, sudati e sporchi, al lavoro nei campi o in miniera. Immagini che evocano pensieri impuri, ve lo posso garantire. Ma non divaghiamo. La BBC, che vede sempre lungo, ha trasmesso negli anni ’70 un paio di serie basate sui primi sette romanzi scritti da Graham. La prima nel ’75, la seconda nel ’77. Chi c’era già allora ne ha potuto godere, ma chi non c’era, può goderne adesso, perché la sempiterna BBC ha deciso di dare nuovo lustro a questa splendida saga familiare trasmettendo nuove serie, con nuovi colori, nuove tecniche di ripresa, nuovi paesaggi e soprattutto nuovi attori. Chi, direte voi? Oh, dunque, vediamo. Cito il primo che mi viene in mente, così a caso. Aidan Turner, nei panni di Ross Poldark. Aidan. Turner. Sì. Moro, ricciolone, sexy, fisicamente dotato e come usa il piccone lui, nemmeno i nani di Biancaneve. Shakespeare, in Romeo e Giulietta, metteva in bocca a Giulietta queste parole: «Quello che noi chiamiamo col nome di rosa, anche chiamato con un nome diverso, conserverebbe ugualmente il suo dolce profumo. Allo stesso modo Romeo, se portasse un altro nome, avrebbe sempre quella rara perfezione che possiede anche senza quel nome…».
Forse valeva per Romeo Montecchi. Ma non per Ross Poldark. Il nome di questo uomo è esso stesso la vera essenza della sua natura, non perché voglia significare chissà che cosa, ma perché contiene la storia di una vita, di una famiglia e di un grande amore. Ross Poldark con un altro nome, non sarebbe stato lo stesso. Il nome Poldark condiziona l’intera realtà che circonda il personaggio, la gamma delle esperienze che vive e che chi gli sta accanto condivide con lui, dagli amori, ai parenti e persino alla servitù.
Ross Poldark sprigiona forza solo nel pronunciarlo, così come il personaggio a cui il nome appartiene, detiene e custodisce tale forza, imprimendola con suggestiva fermezza nei propri ideali e sogni. Poldark non è un personaggio di cui si legge tutti i giorni, non lo è nemmeno la sua storia che inizia con una guerra e si dipana tra le pagine e sullo schermo tv, tra vicende sempre più coinvolgenti, tra amori irrisolti, negati, traditi e dolci scoperte, tra intrighi, offese, invidie e una grande passione con una intraprendente e risolutiva fanciulla dai rossi capelli. Demelza è il suo nome. Demelza: un altro nome che non potrebbe essere che quello. Una donna che fa da spalla a Ross e forse da bastone. Una donna che concede il suo corpo e la sua vita all’uomo che ama e che l’ha salvata da un’infame esistenza, senza, però, mai negare se stessa e quello che è.
I due sono due e uno solo. Una coppia forte che ti fa credere che insieme si possa superare tutto. Anche il diavolo che si presenta a loro sotto molti, infidi aspetti, a volte poco riconoscibili. Anche il fatto che, *****! si debba aspettare un’intera settimana prima di riuscire a vedere un altro episodio. Ma se intanto avete il libro, godetevi quello e immaginate Aidan Turner, un Ross Poldark perfetto. Come perfetta è questa serie.

- ANGELA

Probabilmente, abbiamo la stessa faccia al passaggio di scene di codesto pezzo di uomo.


source: darknessromanoff.tumblr.com

...in caso contrario..."andiaaaam andiaaaam, andiamo a falciaar"


source: demelzahcarne.tumblr.com

Titolo: ALLA FINE DELL’ARCOBALENO Autore: IRENE PISTOLATO Editore: RIZZOLI Pagine: 85 Prezzo E-Book: € 2,99 Genere: ROMANCE CONTEMPORAN...

Titolo: ALLA FINE DELL’ARCOBALENO
Autore: IRENE PISTOLATO
Editore: RIZZOLI
Pagine: 85
Prezzo E-Book: € 2,99
Genere: ROMANCE CONTEMPORANEO
Serie: LIBRO CONCLUSIVO


SINOSSI UFFICIALE:

Per trovare il tesoro a volte bisogna seguire la strada più strana.

Cayley Lewis vive e lavora a Londra, ama la confusione della città, il rumore e avere sempre tante persone attorno. La sua fedeltà al lavoro, però, le causa dei problemi nella vita sentimentale. Ma quando la soluzione alle sue beghe amorose si palesa sotto forma di un'offerta di lavoro alquanto originale, Cay tentenna: trasferirsi in un luogo desolato per fare la guardiana del faro, lei che adora stare in mezzo al caos e alla gente? Eppure a volte stravolgere tutto è la soluzione per rimettere tutto a posto. Nel lavoro, e nell'amore…
Una spassosa commedia romantica che farà farà sognare, sorridere e venire voglia di lasciare tutto per ricominciare da zero. Magari su un'isola deserta.


LA MIA OPINIONE:

Trovare l’amore alla fine dell’arcobaleno!

Questa breve e curiosa commedia che intreccia tenerezza e ironia, porterà il lettore in una storia carina e particolare, gli farà trascorrere qualche momento di puro svago e lo farà sognare la fine dell’arcobaleno. Cayley, la protagonista, rappresenta la perfetta eroina moderna, tra relazioni sbagliate e vita frenetica, insicurezze e dubbi il lettore la conoscerà e l’accompagnerà in questo viaggio d’eccezione alla ricerca di se stessa. Durante la narrazione tutto sembra avere una spiegazione ma una bella svolta finale farà scoprire il bizzarro angelo custode che giocherà un ruolo fondamentale nel dare una spinta alla protagonista per cambiare la propria vita, ritornare ad amarsi e per trovare anche l’amore. Per cambiare vita a volte serve solo una spinta e piccole coincidenze che al momento giusto porteranno la protagonista nella splendida e suggestiva l’ambientazione che l’autrice ha scelto come sfondo alle vicende. Lo stile narrativo è incisivo e la storia viene racconta in modo scorrevole e divertente, senza però tralasciare alcuni momenti emozionanti e pieni di sentimento. Lo svolgimento dei fatti ricorda molto i classiche commedie d’intrattenimento, la narrazione molto visiva e filmica descrive una dolce storia d’amore con un pizzico di magia che in poco più di un’ottantina di pagine farà divertire in una perfetta lettura rilassante. Personalmente a tratti ho trovato alcuni personaggi ed eventi un po’ forzati e poco realistici ma il bello dei romanzo romantici è anche questo, la bravura dell’autrice si nota anche nel rendere credibili fatti lontani dalla quotidianità, un potere che dovrebbero avere tutte le novelle, quello di allontanare dalla realtà il lettore, di farlo sognare e credere che grazie ad un piccolo aiuto del destino tutto sia possibile. Una commedia ideale per sognare, che vi farà venir voglia di visitare un’isola, magari deserta e con un faro a cui far da guardiani, alla ricerca del “tesoro” alla fine dell’arcobaleno!


GIUDIZIO COMPLESSIVO:

 & MEZZO  = MOLTO BUONO


Autore: Michela Ravasio Titolo: Uprising Collana: Lumiere Anno: 2016 Prezzo: € 2,99 Cosa sarebbe successo se la storia non a...



Autore: Michela Ravasio
Titolo: Uprising
Collana: Lumiere
Anno: 2016
Prezzo: € 2,99

Cosa sarebbe successo se la storia non avesse seguito il corso che noi conosciamo? E se l’impero britannico, anziché coesistere con le potenze mondiali, si fosse ingrandito, inglobandole, e avesse esteso i suoi confini fino… alla Luna?
Nell'anno zero, l'ammiraglio Nightingale giunge su Selenē, ampliando l’orizzonte umano in modo impensabile e porta alla scoperta del sèlas e di un nuovo popolo. Dopo quella eroica impresa tutti i ragazzi del regno sognano di poter emulare le gesta del grande conquistatore, ma solo in pochi potranno farlo. Fra questi vi sono i cadetti della Queen Cyrene’s Royal Naval Academy che, ogni anno, affrontano un viaggio verso le terre seleniche a bordo di un galeone spaziale, pronti a entrare a far parte della marina.
In occasione dell’ultimo semestre Cyril, Isaac e D4n3 si ritroveranno a far parte della stessa squadra per raggiungere le colonie seleniche a bordo della Hecate. Se all’inizio le differenze fra loro porteranno a degli scontri, la Fatalità Universale gli riserverà un’amara sorpresa che li porterà a essere sempre più uniti per affrontare un destino avverso.

L'autrice: Michela Ravasio è nata a Bergamo nel dicembre 1989 e vive in un paese della provincia, dove la vita, dopo la conclusione del liceo artistico, non propone molte distrazioni. Quel che le è rimasto da fare, quindi, è diventare scrittrice per vivere qualche avventura, senza mai dimenticarsi di essere provvista di tè freddo. Sotto pseudonimi ha pubblicato fan fiction e racconti originali su alcuni siti web fin dal 2008 e poi ha deciso di dedicarsi completamente alla stesura dei propri romanzi, realizzando che fosse ora di mettersi in gioco. Quando si stanca di scrivere allora prende foglio e matita e si mette a disegnare. I suoi cassetti sono pieni di schizzi dei propri personaggi, di illustrazioni e di pagine di fumetto. Nel tempo libero le piace stare con il suo gatto e dedicarsi alla visione di qualche film o serie tv o alla lettura di manga. Uprising è il suo primo romanzo.

Non li ho portati con me! Li ho dimenticati!». Il computer organico si mise a correre gridando e tornò verso la scala che portava alle cabine, non badando alle scosse che percuotevano il galeone. Quei bottoni erano tutto ciò che possedeva e non se ne sarebbe andato senza di loro.



Autore: Nadia Boccacci
Collana: Lumiere
Anno: 2016
Prezzo: € 3,99
Versione cartacea: € 12,00
Versione audiolibro: € 6,00 (sul sito Les Flaneurs)

Diana è cresciuta in un paese della Toscana, fianco a fianco con Fausto, un bambino particolare che solo con lei ha imparato ad aprirsi e a vivere la sua diversità in piena serenità. Ora che è donna, Diana ha fatto tesoro dell’esperienza con Fausto e l’ha incanalata in un desiderio che spera possa divenire realtà: diventare una maestra. Costretta ad abbandonare gli studi, risparmia per la scuola serale lavorando in una fabbrica. Incaricata di dipingere gli occhi su piccole statue, Diana inizia a comprendere l’immenso valore di uno sguardo, delle sue parole mute. Così, quando i suoi occhi incontrano per la prima volta quelli di Ugo, capisce in un attimo che non riuscirà più a liberarsi della forza che quello sguardo sprigiona. Tuttavia, le loro strade saranno presto destinate a separarsi. Dunque l’amore è solo un’illusione? O l’istinto conosce già tutte le risposte? Nadia Boccacci intesse una storia d’amore e pazienza, di attese e desideri che si susseguono nel rincorrere una grande verità: esiste sempre qualcosa di meraviglioso in fondo al percorso di chi sa attendere.

L'autrice: Nadia Boccacci è nata a Colle di Val d’Elsa (Si) nel 1968. Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso l’Università di Firenze, con una tesi di ricerca in letteratura francese, insegna italiano e inglese in una scuola primaria. Ama interagire con i giovani e tiene incontri letterari e corsi di scrittura creativa nelle scuole secondarie. Ha pubblicato romanzi, racconti e poesie con varie case editrici. In particolare, il suo romanzo “In viaggio con te” (Butterfly Edizioni) ha ricevuto il diploma di merito del Premio Albero Andronico. Fa parte dell’antologia “Sussurri dal cuore e… dalle tenebre” (Butterfly Edizioni) e dell’antologia “Impronte d’amore”. Si è classificata al terzo posto al concorso letterario “Una perla nell’oceano” con il racconto “Se c’è un’età” ed è inserita nella raccolta poetica “I poeti contemporanei” (Edizioni Pagine). Nel 2013 ha pubblicato il romanzo “I colori che ho dentro” (Butterfly Edizioni). Attualmente sta scrivendo un nuovo romanzo.

Forse Diana era passata come un treno rapido e io non l’avevo vista, fermo e cieco alla stazione del dolore e del tormento. Non avevo saputo cogliere l’attimo, chiuso in un mondo lontano e solitario.


Autore: Denny Pellegrino
Collana: Bohemien
Anno: 2016
Ebook prezzo: € 1,99
Cartaceo prezzo: € 15

Diario di una filosofa inquieta – Quando Denny si trasferisce a Milano dal suo paesino sperduto in provincia di Bari per studiare Filosofia alla Statale, non ha la più pallida idea di ciò che l’attende nella capitale della moda. Improvvisamente, il destino inizia ad aprirle infinite porte tra nuove amicizie, amori costantemente in equilibrio sulla follia e improbabili lavori che non fanno altro che cacciarla in un mare di guai. L’amicizia con Vane e con l’italo-canadese Lu, l’amore tormentato per Lorenzo e i fantasmi degli amori passati, la passione incontrollabile per un uomo molto più grande di lei, diventeranno l’appassionante fil rouge di un diario filosofico e folle, talvolta disperato, sempre irresistibile. Con piglio vivace e scrittura schietta, Denny Pellegrino ci accompagna in una Milano metropolitana, chic e romantica. Una città che è passione, esperienza, emozione. Pura vita incisa su carta.

L'autore: Denny Pellegrino nasce a Bari il 1978. A 19 anni si trasferisce a Milano per studiare Filosofia alla Statale. Dopo la laurea in Estetica e l’esperienza lavorativa nel mondo della moda, ritorna in Puglia. Qui intraprende la strada del Giornalismo diventando pubblicista e collaborando per diverse testate locali: Puglia, Barilive, Il Resto. Attualmente dirige un proprio sito d’informazione.

Capii che non avevo l’ulcera ma il mal d’amore


Autore: Ismaela Evangelista
Collana: Bohemien
Anno: 2016
Prezzo: € 14,00

Eric è un diciassettenne bello, intelligente e promettente, a cui apparentemente non manca nulla quando, dinanzi ai disagi della realtà, all’improvviso si rifiuta di andare a scuola e sceglie di chiudersi nella sua stanza. I genitori assistono impotenti al ritiro del figlio, nessuno riesce a piegare la sua ostinata decisione. La stanza diventa il luogo privilegiato da cui il ragazzo, protagonista e voce narrante, osserva il mondo fuori dalla finestra ed esplora la propria psiche. Chiudendosi salvaguarda se stesso, il suo corpo, si difende dalla vergogna che lo attanaglia, ma non conquista il suo posto nella società. Le settimane diventano mesi e i mesi anni, Eric, ormai adulto, nuota avanti e indietro nel fiume navigabile della sua memoria, pescando ricordi e pensieri che trascrive sul pavimento con l’incertezza di un provetto scrittore: la famiglia, la scuola, i professori, gli amici, gli atti di violenza, il reparto di psichiatria e l’istinto suicida. La stanza di Eric non è solo un diario interiore, è anche il bisogno di raccontarsi nel tentativo di individuare le cause della chiusura e di comprendere la propria identità.

L'autrice: Ismaela Evangelista nasce a San Benedetto del Tronto (Ap) il 13 Agosto del 1979. Dopo la maturità classica, nel 2004 si laurea in Psicologia a Indirizzo Clinico e di Comunità presso l’Università La Sapienza di Roma. Svolge il tirocinio formativo nel Supercarcere di Ascoli Piceno e si abilita alla professione. Segue master e corsi di perfezionamento in ambito giuridico-criminologico, partecipando a diversi articoli in manuali del settore e nel 2010 si specializza in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale. Costantemente impegnata in diversi ambiti di formazione psicosociale, svolge la professione di Psicologa Psicoterapeuta con adulti, bambini e adolescenti in Abruzzo e nelle Marche. E un’avida studiosa della mente psicopatologica, convinta che il disagio psichico e i comportamenti attraverso il quale si manifesta, possono sperare in grandi miglioramenti se ad affiancare il paziente c’è un’amorevole figura di riferimento, con la quale sviluppare il legame di attaccamento che condiziona l’essere umano dalla culla alla tomba. Ha esordito nel 2014 con il romanzo “Uno schiaffo e una carezza” della Butterfly Edizioni. Con Les Flâneurs Edizioni ha già pubblicato “La coperta corta” (2015).

La verità è che mi manca qualcuno a cui manco. Do le spalle al mondo, alle creature, al creatore, alla mia stessa casa.



Autore: Raffy Lombardo
Collana: Romance
Anno: 2016
Prezzo: € 1,99

Erica è una giovane donna, cresciuta in fretta dopo la perdita dei suoi genitori. Lavora come cameriera in casa dei Mantovani, una famiglia romana benestante. Qui conosce Fabrizio, il figlio snob e viziato dei suoi padroni, che farà di tutto per metterla in difficoltà. Il giovane è un dongiovanni incallito sempre circondato da belle ragazze disposte a concedersi alle sue voglie. Anche la povera Erica, dopo una corte serrata, cede alle sue lusinghe tuttavia Fabrizio la considera soltanto un altro trofeo da aggiungere alla sua collezione. Scottata dalla delusione, la ragazza decide di trasferirsi a Parigi per inseguire il suo sogno di stilista. Nella capitale francese si compie il suo percorso di crescita che la trasformerà in una donna forte e sicura. Un cammino di emancipazione che parte dalla scoperta della sessualità e dai piaceri a essa legati. L’arrivo di un nuovo amore, l’affascinante e sensuale Adam, e i successi sul lavoro saranno per Erica la giusta ricompensa per tutti i suoi sforzi. E quando Fabrizio torna sulla sua strada, la vendetta potrà finalmente compiersi. Raffy Lombardo racconta, con semplicità, una storia di rivincita e di riscatto. Un romanzo scritto da una donna per le donne, ma rivolto anche a tutti quegli uomini che vogliono conoscere meglio l’universo femminile.

L'autrice: Raffaella Lombardo in arte Raffy. Nata in provincia di Agrigento, ora vive a Vicenza. Autrice di romance erotico e romance suspance, ha scoperto per gioco la passione per la scrittura. Ha all’attivo diversi romanzi in selfpublishing.



© 2017 - 2012 Storie di notti senza luna di Eilan Moon.

All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati.
Licenza Creative Commons Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. La distribuzione del materiale presente su questo blog è vietata senza previa autorizzazione dell'autrice. Per questo scopo potete contattarla attraverso il modulo di contatto. Tutte le immagini presenti sul blog sono state reperite nel web e successivamente rielaborate, qualora l'utilizzo delle suddette violasse un qualsiasi copyright siete pregati di farcelo sapere al fine di rimuoverle immediatamente.
Grafica creata da Eilan Moon. Powered by Blogger.