TITOLO: WAYWARD PINES -L'ULTIMA CITTA- AUTORE: BLAKE CROUCH EDITORE: SPERLING & KUPFER PAGINE: 343 PREZZO: 16,90 € SINOSSI UF...



TITOLO: WAYWARD PINES -L'ULTIMA CITTA-
AUTORE: BLAKE CROUCH
EDITORE: SPERLING & KUPFER
PAGINE: 343
PREZZO: 16,90 €
SINOSSI UFFICIALE:
L'ex agente dei Servizi segreti Ethan Burke è arrivato a Wayward Pines, ridente cittadina annidata tra le montagne dell'Idaho, solo tre settimane fa e ora è diventato il suo sceriffo. In questa città le persone devono seguire precise istruzioni su tutto: chi sposare, dove vivere, dove lavorare. Ai loro figli è stato insegnato che David Pilcher, il creatore della città, è dio. A nessuno è permesso andarsene. Anche fare domande può essere letale. Ma Ethan ha scoperto l'incredibile segreto che si cela oltre la cortina elettrificata che circonda Wayward Pines e che la protegge dal terrificante mondo esterno, facendo di quello scricchiolante angolo di paradiso il più inquietante e pericoloso degli inferni. È un segreto che ha messo l'intera popolazione sotto il controllo assoluto di un pazzo e del suo esercito di seguaci, un segreto che sta per abbattersi come uno tsunami sulla barriera di protezione, distruggendo quell'ultimo fragile residuo di umanità. Il terzo e ultimo capitolo della serie di Wayward Pines.

LA MIA OPINIONE:
Il terzo e finale capitolo di questa trilogia originale e adrenalinica è senza dubbio il migliore. Lo stile dell'autore è, come per i precedenti, molto veloce e diretto. Avevamo lasciato Ethan in balia della decisione del fondatore di Wayword PinesDavid Pilcher. Una decisione dettata dalla follia e dal desiderio di potere. Quest'uomo crede di essere un vero e proprio Dio, il costruttore e il detentore dell'ultimo manipolo di esseri umani sul pianeta e questa dose di onnipotenza lo ha reso pazzo, tanto da distruggere ciò che aveva creato, incurante delle vittime di questa sua scelta.
Ethan si sente in colpa per ciò che sta avvenendo, si ripete che se non avesse rivelato a tutti gli abitanti la verità, molti sarebbero vivi. Ma non c'è il tempo materiale per queste riflessioni perché il suo compito è salvare più gente possibile e fermare David Pilcher una volta per tutte.
Le scene si fanno sempre più cruente e terrificanti, vediamo ciò che sta accadendo in città attraverso gli occhi di diversi personaggi, molti dei quali non supereranno quell'infernale notte. Anche la moglie di Ethan, Theresa, e il figlio Ben, si ritrovano a combattere per la propria sopravvivenza. Quando lo sceriffo riesce a mettere al sicuro l'ultimo ed esiguo gruppo di civili, si getta (letteralmente) contro la struttura segreta alla ricerca di Pilcher. Non è vendetta ciò che vuole, ma giustizia, infatti non lo ucciderà, la sua intenzione è quella di sottoporlo al giudizio dei pochi sopravvissuti all'incursione delle Aberrazioni. Durante la lettura di alcune scene, si è tentati di pensare che gli Abbie (Aberrazioni) siano più umani di quanto sembri all'inizio e la dimostrazione arriva proprio dalla femmina tenuta segregata all'interno della superstruttura, ad accorgersi di questa sua "umanità" è proprio Ethan che deciderà di lasciarla libera con la speranza che il suo gesto di compassione possa portare l'intera razza verso un'evoluzione positiva.
Una volta messi in salvo tutti i cittadini dell'ultima città, dopo aver deciso la sorte del suo creatore, Ethan dovrà affrontare un'altra importante decisione, come nuovo capo della comunità. Infatti, scopriamo che la cittadina era destinata alla distruzione comunque, anche senza la drastica scelta di David Pilcher di aprire la recinzione e lasciare entrare i mostri che popolano il pianeta e ne sono a tutti gli effetti i padroni. Le riserve di cibo scarseggiano e le prospettive per la sopravvivenza sono nulle. Cosa deciderà di fare lo sceriffo, ma sopratutto, deciderà lui per tutti come aveva sempre fatto il suo predecessore o si comporterà diversamente dimostrando di non essere un Dio e non aver il diritto di vita e morte su tutti gli esseri umani?
In tutta questa confusione e azione, fa ritorno in città, dopo l'esplorazione di ben tre anni, l'ex capo di Ethan, David Hassler, che è anche stato il sostituto dello sceriffo nel letto della moglie quando ancora non era stato risvegliato dal suo sonno, mentre Theresa e Ben lo credevano morto. Come si comporterà a questa scoperta l'ex agente segreto Ethan Burke
Il finale è strepitoso, degno di questa misteriosa serie. Le differenze con il drama trasmesso su Fox sono davvero moltissime e, sebbene io abbia apprezzato anche la trasposizione televisiva, mi sento di ammettere che i libri sono molto più interessanti, più coinvolgenti e coerenti con l'ambientazione in cui il tutto si svolge.
Il personaggio meglio caratterizzato è quello del folle David Pilcher, i cui ragionamenti, molto spesso mi hanno messo i brividi e mi hanno spinta a pormi diverse domande sulla natura umana. Nel monologo in cui si paragona a Dio e accenna alla cacciata dal paradiso mi sono ritrovata a pensare che, in un certo qual modo, quella sua mente malata avesse colto nel segno i sentimenti e l'evoluzione della razza umana in determinati contesti, e anche quella di un presumibile creatore divino.
Un'ottima lettura. A chi, dopo il primo, si fosse scoraggiato, consiglio vivamente di proseguire perché al termine ne sarà valsa la pena.


GIUDIZIO COMPLESSIVO:
= CAPOLAVORO





TITOLO: WAYWARD PINES -IL BOSCO- AUTORE: BLAKE CROUCH EDITORE: SPERLING & KUPFER PAGINE: 343 PREZZO: 16,90 € SINOSSI UFFICIALE:...




TITOLO: WAYWARD PINES -IL BOSCO-
AUTORE: BLAKE CROUCH
EDITORE: SPERLING & KUPFER
PAGINE: 343
PREZZO: 16,90 €
SINOSSI UFFICIALE:
Continua l'inquietante trilogia di Blake Crouch ambientata nell'ambigua cittadina che nasconde terrificanti segreti. Circondata da un paesaggio da cartolina, Wayward Pines avrebbe l'aspetto di un moderno paradiso terrestre, se non fosse per la barriera elettrificata che impedisce agli abitanti di uscirne. L'idilliaco villaggio è controllato ventiquattr'ore su ventiquattro sette giorni la settimana da una schiera di tiratori scelti e da un'implacabile sorveglianza che registra ogni parola e ogni gesto. Nessuno degli abitanti sa come è arrivato fin lì: hanno ricevuto istruzioni su dove lavorare, come vivere e chi sposare. Alcuni credono di essere morti. Altri pensano di essere intrappolati in un esperimento incomprensibile. Tutti sognano segretamente di fuggire, ma quelli che ci hanno provato hanno avuto una tremenda sorpresa. Ethan Burke ha visto il mondo che c'è fuori. È uno dei pochi che conosce la verità: Wayward Pines non è soltanto una città. E quello che si trova dall'altra parte del filo spinato è un incubo che supera ogni immaginazione. Ispiratosi a un culto della televisione anni Ottanta, il rivoluzionario "Twin Peaks" di David Lynch, Blake Crouch è riuscito a staccarsi dall'originale e a superare l'inquietudine per entrare nella sfera del terrore puro. La sua trilogia è diventata una serie televisiva con la regia di M. Night Shyamalan, protagonisti Matt Dillon e Melissa Leo, tra gli altri.

LA MIA OPINIONE:
Secondo romanzo della trilogia di Blake Crouch che miscela thriller e distopia in modo egregio. Avevamo lasciato il nostro coraggioso protagonista dopo che aveva scoperto la terribile verità che si cela dietro la cittadina Wayword Pines e come lui abbiamo provato terrore e sgomento. Ethan Burke accetta di diventare il nuovo sceriffo della città e quello che dovrà affrontare è più oscuro di quanto lui stesso possa credere. La morte misteriosa di una abitante dell'ultimo baluardo dell'umanità sconvolgerà lo sceriffo e anche molti degli abitanti. Ethan non ha ancora capito di chi può fidarsi senza riserve, ma in questo nuovo capitola della serie riuscirà a illuminare questo lato della storia e scopriremo insieme a lui dove può condurre la follia e il credere se stessi esseri divini, Sì, perché Pilcher è davvero un folle, un maniaco mosso da credenze proprie e dal desiderio e dalla convinzione di essere il nuovo Dio di Wayword Pines e di aver diritto di vita e morte su tutti i suoi cittadini, ma Ethan non la pensa come lui e arrivare a prendere decisioni estreme per la giustizia e il desiderio di verità.
Più di metà romanzo si incentra sull'investigazione da parte dello sceriffo e sulla sua infiltrazione tra i ribelli, ma proprio grazie a questo riusciamo a scoprire che quelli che sembravano i cattivi, quelli che volevano distruggere il paradiso creato da Pilcher in verità sono i giusti, sono le persone che tentano di non dimenticare la propria umanità e di non alienarsi rispettando le rigide regole dettate a tutti i cittadini.
Lo stile sempre incalzante e basico non permette al letture di divagare e di perdersi durante la lettura. Il cliffanger finale ci lascia con domande in sospeso ma con la certezza che il nostro eroe rimarrà nei cuori dei lettori, come non amare un uomo pronto a tutto per la giustizia?


GIUDIZIO COMPLESSIVO:
= OTTIMO






© 2017 - 2012 Storie di notti senza luna di Eilan Moon.

All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati.
Licenza Creative Commons Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. La distribuzione del materiale presente su questo blog è vietata senza previa autorizzazione dell'autrice. Per questo scopo potete contattarla attraverso il modulo di contatto. Tutte le immagini presenti sul blog sono state reperite nel web e successivamente rielaborate, qualora l'utilizzo delle suddette violasse un qualsiasi copyright siete pregati di farcelo sapere al fine di rimuoverle immediatamente.
Grafica creata da Eilan Moon. Powered by Blogger.