Cari appassionati di letture eccomi con una nuova iniziativa. Sapete quanto io adori queste cose quindi non potevo non proporre all'eso...

CONTEST: OBSESSION


Cari appassionati di letture eccomi con una nuova iniziativa. Sapete quanto io adori queste cose quindi non potevo non proporre all'esordiente Valentina C. Brin un contest semplice e divertente. 

Premetto che Obsession è una delle mie prossime letture, ma che ancora non ho avuto il piacere di assaporare. Quindi, a maggior ragione, spero di leggere le vostre opinioni su questa storia.

La gara prevede dei passi obbligatori per partecipare -spiegati sotto, prima del form- e l'inserimento della vostra recensione in merito al romanzo sul sito Goodreads per ottenere più punti. Il vincitore del contest sarà a sorteggio. Cosa vincerà? Una copia cartacea di Obsession. Avete tempo per partecipare da oggi sino al 7 Marzo.


Partecipare è molto semplice. Il form qui sotto raccoglie tutti i passi che dovrete effettuare, quelli obbligatori sono solo tre, gli altri sono facoltativi. Ve li spiego brevemente: (per facilitarvi il tutto ho creato i collegamenti ai vari siti, vi basta cliccare sul nome relativo in grassetto)

  • Lasciate UN COMMENTO A QUESTO POST scrivendo il vostro nome  OBBLIGATORIO
  • MI PIACE alla pagina FACEBOOK dell'autrice OBBLIGATORIO
  • Essere FAN dell'autrice su GOODREADS
  • MI PIACE alla pagina facebook del blog STORIE DI NOTTI SENZA LUNA OBBLIGATORIO
  • Essere LETTORI FISSI del mio blog e di quello dell'autrice: QUESTIONI SCRITTEVOLI
  • Inserire (dopo la lettura) IL LINK della vostra RECENSIONE su GOODREAD
Obsession nasce da una fan fiction. Proprio così: Ashton -il protagonista maschile- una volta era Draco Malfoy, Eleanor -la protagonista- era Ginny Weasley. Questo mi ha ancora più incuriosita. 

Inghilterra, 1715. 

Quando Eleanor White arriva a Collingwood porta con sé la dignità di chi fa parte del popolo, l’amarezza di un amore tradito e la determinazione ad aiutare la propria famiglia con ogni mezzo. Peccato che non sappia quanto sia sconvolgente quello che l’aspetta in quella tenuta, rifugiato nell’ombra di rifiuto e rancore che gli affoga il cuore: Ashton Spencer, conte di Collingwood, è un uomo violento che rifiuta l’amore in ogni sua forma. Un uomo in cui è destinata ad attecchire un’ossessione profonda e incontenibile, struggente, violenta come la sua stessa anima. 
Ma come fare, quando l'unica donna che desideri è la sola che non puoi avere? Sullo sfondo della prima rivolta giacobita, una storia d'amore indimenticabile. Un romance storico che vi stregherà.

Volete leggere un brano tratto da questo romanzo? Eccovi accontentati!

«Bu... giardo.» Il giovane Spencer la guardò stoico. Si allontanò da lei senza mai distogliere gli occhi da quella donna e dallo sguardo ricolmo di accuse con cui lei lo inchiodava, freddo, come se Eleanor valesse meno del terreno su cui camminava. Come se fosse un insetto indegno della benché minima attenzione.
«Ripeti.»
Eleanor tossì. Fece un paio di respiri profondi, ma quando rialzò lo sguardo su di lui, Ashton scoprì che i suoi occhi non avevano mai smesso di accusarlo. C’era disprezzo, c’era sdegno, c’era rancore, ed era tutto per lui.
«Ho detto che siete un bugiardo. Avete fatto credere a vostro fratello che siamo amanti. Che mi volete.»
«Dov’è il problema? Ti disturba che Daniel abbia creduto a una bugia?» Ashton sogghignò, la sua mente che lavorava celere mentre il cuore gli suggeriva nuovi modi per piegare Eleanor e ritrovare quell’arrendevolezza che la bestia dentro di lui esigeva. «Allora smettiamo di mentire.» Le prese la mano, toccandola delicatamente come se fosse fatta di cristallo. Baciò la pelle del polso una, due, tre volte. Lo fece in modo
così lento, così vizioso, così vergognoso... Una pressione leggera e indecente, le labbra che suggellavano promesse carnali alla pelle sottile del polso. Fece tutto questo senza distogliere lo sguardo dagli occhi di
Eleanor. Occhi che divennero sorpresi e imbarazzati, occhi confusi, occhi vergognosi che non erano più ostili, né tanto meno indifferenti. Occhi che ricordavano carezze, calore, baci, e che non potevano fare a
meno di legarsi a quelle immagini indecenti che il cuore gettava loro addosso. Erano occhi stregati che non potevano nascondersi, in attesa di qualcosa di più. Ashton fu colpito da quella consapevolezza all’improvviso, in maniera inaspettata. Ingiusta. Perché lì, con le guance arrossate e le labbra socchiuse come se dovessero ricevere un bacio da un momento all’altro, letteralmente abbandonata contro il muro della biblioteca, quella donna sembrava fatta apposta per peccare. Immaginare come sarebbe stato averla sotto di sé, domarla, sentirla avvinghiata al suo corpo fu una debolezza irresistibile; vederla contorcersi e gridare mentre...
«Che... che cosa volete dire?» la voce di Eleanor uscì flebile, un gemito tra il languore voluttuoso che l’aveva catturata, e l’immagine dolorosa di lei nuda, con quella cascata di capelli rossi sparpagliati sul cuscino, tornò a tormentarlo di nuovo.
La vide inarcarsi sotto di lui, ansimante; la sentì chiamare il suo nome, pregarlo, toccarlo. *Dio mio.*
Cercò di rimanere padrone della situazione, da seduttore distaccato qual era sempre stato. Fece appello alla ragione, ignorando per la prima volta l’istinto che, fino ad allora, aveva sempre guidato la sua condotta e governato la sua vita, e si aggrappò all’evidenza che il calore del sangue aveva sbiadito: Eleanor White era un giocattolo come un altro e niente di più. Nulla da desiderare, nulla su cui valesse la pena spasimare.
Avvicinò le labbra all’orecchio della ragazza, imponendosi di resistere alla voglia di infilare le mani tra i suoi capelli e sciogliere la rigida pettinatura che li raccoglieva. Costringendosi a ignorare la tentazione di vedere, sentire, vivere come sarebbe stato afferrare la sua chioma di fuoco e indurre quella donna vibrante d’orgoglio ad alzare il viso per lui. Per le sue labbra.
Per un suo bacio.
«Vieni a letto con me, mia piccola pezzente. Diventiamo amanti, così non dovremo mentire al tuo caro Daniel.»







© 2017 - 2012 Storie di notti senza luna di Eilan Moon.

All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati.
Licenza Creative Commons Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. La distribuzione del materiale presente su questo blog è vietata senza previa autorizzazione dell'autrice. Per questo scopo potete contattarla attraverso il modulo di contatto. Tutte le immagini presenti sul blog sono state reperite nel web e successivamente rielaborate, qualora l'utilizzo delle suddette violasse un qualsiasi copyright siete pregati di farcelo sapere al fine di rimuoverle immediatamente.
Grafica creata da Eilan Moon. Powered by Blogger.