TITOLO : ODYSSEA. OLTRE LE CATENE DELL'ORGOGLIO AUTRICE :  AMABILE GIUSTI EDITORE : KINDLE AMAZON PAGINE:  500 PREZ...


TITOLO: ODYSSEA. OLTRE LE CATENE DELL'ORGOGLIO
AUTRICEAMABILE GIUSTI
EDITORE: KINDLE AMAZON
PAGINE: 500
PREZZO: 2,99 euro
SINOSSI UFFICIALE:
“Sopravvissuta allo scontro all’ultimo sangue con il suo nemico mortale, Odyssea si è ormai ambientata nella cittadina nascosta oltre il Bosco di Confine. Dopo anni di peregrinazioni ha finalmente una casa e una famiglia.
Alle prese con le regole della Scuola Superiore di Magia Applicata, si immergerà nella vita che non ha mai avuto, facendo l’esperienza dell’amicizia, del confronto coi compagni, con gli insegnanti. Ma qualcuno trama nuovamente nell’ombra. Qualcuno che si nasconde tra le persone dall’apparenza innocua che la circondano e che non esita a eliminare ogni possibile impedimento alla realizzazione di un macabro obiettivo finale: uccidere lei.
Perseguitata da un’oscura presenza, Odyssea dovrà misurarsi ancora con il Male, imparando a proprie spese cosa vuol dire crescere. E mentre la vita andrà avanti, con i misteri e le sorprese di un mondo stregato che le permette di aggrapparsi all’illusione di essere una ragazza normale – tra castelli e balli di corte, draghi e unicorni, incantesimi e filtri magici, spettri ed elfi, gite scolastiche ed esami– capirà che non può sottrarsi al suo destino di vittima predestinata. Come non può sottrarsi all’amore.
Jacko O’Donnell, bello e scontroso da fare male, come un fiume in piena che ormai le scorre nelle vene, travolgerà gli argini della sua innocenza e del suo cuore, rischiando quasi di perderla, pur di non sciogliere le catene dell’orgoglio che gli impediscono di ammettere che è lei che vuole.
Fino ad arrivare al feroce epilogo dal quale sarà difficile uscire vivi.”

LA MIA OPINIONE:

Odyssea, Oltre le catene dell'orgoglio è il secondo romanzo della serie Odyssea, scritta dall'abile penna di Amabile Giusti. Il foglio digitale bianco su cui sto scrivendo ora la mia opinione mi mette in crisi, perché se il primo capitolo di questa toccante storia mi era piaciuto, Odyssea Oltre le catene dell'orgoglio mi ha lasciata senza parole. Io non riesco a esprimere e ad analizzare, come faccio di solito, quest'opera. Ho deciso quindi di non farlo. Vi racconterò, invece, i sentimenti che la lettura mi ha suscitato.

Due anni fa, poco prima delle vacanze al mare, mi recai in una libreria della mia città e corsi nella zona adibita al fantasy e all'urban fantasy. Non sapevo cosa leggere, ma desideravo con tutta me stessa imbattermi in una storia scritta da un autore italiano perché erano diversi anni -sì, anni- che non rimanevo incantata da qualcosa di nostrano. Cercai, cercai... tra tanti libri, spulciai come non avevo mai fatto e rimasi attratta da due romanzi: Cuore Nero di Amabile Giusti e Non mi uccidere di Chiara Palazzolo. L'idea era quella di acquistarne uno solo, ma alla fine li portai entrambi in valigia con me. Il secondo perché avevo voglia di leggere qualcosa di diverso, un horror italiano un pochino splatter, ma il primo, invece, che dalla trama non mi aveva davvero conquistata, decisi di comprarlo dopo aver letto che l'autrice avrebbe devoluto parte dei suoi diritti d'autore alle anime abbandonate in un canile. Capii che la scrittrice di quella storia era una persona diversa dalla media, una donna che non scriveva solo per guadagnare soldi o fama, ma che lo faceva perché amava davvero dare vita a qualcosa di suo e donare parte di sé agli altri.
Rimasi stupita. Attraverso le parole, Amabile Giusti narrò una storia unica, sebbene con protagonisti vampiri, incentrata su personaggi profondi e indimenticabili. Iniziai a seguirla nella sua vita letteraria e non rimasi delusa. La pubblicazione di Odyssea, Oltre il varco incantato, fu per me un obiettivo e attesi con ansia di poterlo leggere. Conobbi, così, Odyssea, una eroina diversa dal solito, un personaggio sofferente e solitario sebbene circondata da amici e famigliari. M'innamorai di Jacko, mascalzone affascinante con un'anima da scoprire. Adorai Wizzieville in tutte le sue caratteristiche e attesi con morbosa trepidazione Odyssea, Oltre le catene dell'orgoglio. Ebbi timore di non poter tornare in quel magico luogo che racchiude tanti segreti quando seppi che la Dalai Editore era in serie difficoltà e non avrebbe pubblicato nulla di nuovo. Ma ecco che l'autrice Amabile Giusti, dimostra un'altra volta di essere una Signora, di essere Unica, Particolare e dal Grande Cuore. Affrontando le malelingue e tutti coloro che giudicano a priori le autopubblicazioni e gli autori che intraprendono questa strada, lei ha voluto regalare, a tutti quelli che come me la assillavano e disperavano per Jacko e Odyssea, il secondo capitolo della storia. Così ho potuto apprezzare un'altra volta la donna che c'è dietro a una storia speciale, quella che unisce i due protagonisti, e che al tempo stesso li allontana l'uno dall'altra. Orgoglio, fraintendimenti, battaglie, gelosia distruttiva e maniacale, il tutto in condimento a uno sfondo fantasy e magico davvero unico e irripetibile. Ho pianto con Odyssea in molti momenti perché con le parole, Amabile Giusti è riuscita a instillare in me i sentimenti di questa giovane ma coraggiosa ragazza, che affronta il suo personale viaggio verso la maturità e il destino che la attende dietro quel varco incantato che la madre le ha fatto attraversare. Incomprensioni, tante, troppe; sofferenza, tanta, troppa; volevo abbracciare Jacko e dirgli di non torturarsi così; volevo accarezzare i capelli di Odyssea e suggerirle che non aveva capito nulla, che DOVEVA guardare al di là della nebbia che la circondava! Odyssea che cerca disperatamente di dimenticare, di non amare Jacko, quel ragazzo tanto difficile da capire eppure così semplice e trasparente. Ma come può riuscirci la dolce Odyssea? come può smettere di amare? non si può decidere a chi donare il proprio cuore! Le emozioni che questo romanzo mi hanno fatto provare sono sensazioni forti, intense impossibili da controllare. Io che di solito trovo mille parole per descrivere una storia, un romanzo, questo mi ha lasciata nuda davanti alla pagina del mio reader. L'ultima pagina della storia. Un finale amaro ma dolce al tempo stesso.


... Odyssea sentì una lacrima che dall'angolo dell'occhio le scivolava tra i capelli. Quell'unica goccia di sale e tristezza fu come una forbice che taglia una corda. Jacko la guardò, deglutì, e smise di fare ciò che stava facendo.




Poche parole, semplici e dirette che entrano nell'anima e non ti permettono, anche volendo, di chiuderle fuori...


Ciò che non seppe, fu che lui attese fuori dalla sua finestra per quasi un’ora. Udì il suo pianto e le frasi consolanti di sua madre. Immobile, col freddo della notte che gli artigliava il viso, le spalle appoggiate alla facciata della casa, furioso con se stesso, andò via solo quando la pioggia cominciò ad abbattersi sugli alberi, solo dopo che i suoi capelli furono completamente bagnati, e solo dopo aver avuto la sconcertante certezza di avere commesso uno degli errori più gravi di tutta la sua vita.


Come non rimanere incantati da questo personaggio...




Si sentiva debole ma, anche se sapeva che presto il viaggio sarebbe finito, avrebbe dato chissà cosa per farlo durare almeno un altro migliaio di ore, per poter usare il suo petto come giaciglio, il suo braccio come recinto e il suo profumo come cuscino.




I brividi che mi hanno percorso la schiena mi hanno lasciata ammutolita dinnanzi a una tale bravura nell'esprimere le sensazioni e i desideri di una giovane donna che ama in modo così totale e profondo...

Odyssea, Oltre le catene dell'orgoglio è un romanzo di crescita, dove sia la protagonista femminile che quello maschile avranno un'evoluzione importante. Anche i sentimenti che nutrono l'uno per l'altra cresceranno ed entrambi saranno costretti, chi in un modo e chi in un altro, ad accettarli. Questo romanzo è un fantasy che consiglio a tutti, ai giovani che riconosceranno se stessi in Odyssea, Jordy, Lindia, Jacko, Verella, Celia... e ai lettori più maturi che rivivranno i momenti degli amori totalitari, dei primi giorni di scuola, dell'emarginazione, dei problemi famigliari e mille altre sfumature che saranno diverse da persona a persona. Un piccolo prezzo per un grande capolavoro dell'Italia che scrive e che ancora è capace di sognare.


GIUDIZIO COMPLESSIVO:









Eccoci qui con una nuova e strepitosa cover tutta italiana. Nostrana perché? Risposta semplice, l'autrice del romanzo nonché colei che...


Eccoci qui con una nuova e strepitosa cover tutta italiana. Nostrana perché? Risposta semplice, l'autrice del romanzo nonché colei che ha creato questo capolavoro grafico è la talentuosa Angela C. Ryan, che ci aprirà le porte del mondo della sua nuova opera HUNTED  il 16 Ottobre 2013... l'attesa non sarà lunga.
Già nota nel mondo del libro al fianco di Patrisha Mar con lo pseudonimo Katherine Keller per la serie di successo The Shadows Saga, tra cui  sono disponibili: BLACK SHADOW e CRIMSON SHADOW.




Abby Allen si definisce “Un’edizione limitata”, non per esemplare bellezza, ma per una serie di qualità che la rendono un tipo curioso e un po’ fuori dal comune. Diciotto anni, logorroica e con la sorprendente capacità di creare situazioni imbarazzanti, Abby ha una fissa per Superman e spera di incontrare un ragazzo che, pur senza superpoteri, gli assomigli almeno un po’, per integrità ed eroismo. Il destino sembra accontentarla e quando incontra Kevan, la sua vita prende improvvisamente una strana piega, dando inizio a una girandola di eventi che un passo alla volta, riveleranno il segreto che è sepolto nel suo passato. In una realtà dove nessuno è ciò che sembra, si sta compiendo una guerra aliena in cui si muovono personaggi intriganti e complessi. Le loro storie si intrecceranno irrimediabilmente le une alle altre, costringendo Abby a subire agghiaccianti rivelazioni su se stessa. Saranno Kevan e un gruppo di ragazzi dotati di poteri straordinari ad accompagnarla in questa avventura, e mentre scende a compromessi con il suo nuovo io, sarà l’amore che prova per Kevan a tenerla saldamente ancorata alla realtà. E allo stesso tempo, la costringerà a prendere decisioni che la allontaneranno sempre di più dal suo supereroe.

“Ero a un ballo, con indosso un vestito smesso di mia sorella e le mie comode Converse, e come Alice nel Paese delle Meraviglie, sono caduta in un buco per svegliarmi qui, dove niente sembra avere un senso.”


Angela C. Ryan è una sognatrice. E l’unico modo che conosce per far vivere i suoi sogni è quello di imprimerli su un foglio bianco. Non necessariamente un foglio, va benissimo anche un tovagliolo al bar, un post it, il retro di una bolletta. Qualsiasi cosa le permetta di scrivere, le è gradita. Nella sua fantasia, vive in un posto simile all’isola che non c’è, in un castello circondato da ampie vallate abitate da fate, folletti e ogni sorta di creatura magica. E qualche supereroe. Nella realtà vive in un piccolo paesino, di fronte a una collinetta che le regala stupendi scorci, con il marito e il suo Siberian Husky, Zeus. 
Hunted è il suo secondo romanzo da solista. Ha già pubblicato Biscotti alla Vaniglia, e con Patrisha Mar, sua amica e collega, ha pubblicato, con lo pseudonimo di Katherine Keller, Black Shadow e Crimson Shadow, i primi due capitoli di una saga paranormal romance che prende il nome di The Shadows Saga

Se volete conoscerla meglio, in attesa di assaporare Hunted, questa è la sua pagina facebook ufficiale:
ANGELA C. RYAN, SOGNI E PAROLE DAL CUORE






In occasione dell'uscita del primo romanzo in solitario di Patrisha Mar , STORIE DI NOTTI SENZA LUNA ha il piacere di ospitare u...



In occasione dell'uscita del primo romanzo in solitario di Patrisha Mar, STORIE DI NOTTI SENZA LUNA ha il piacere di ospitare una bellissima gara tra lettori.

Questo romanzo, che Eilan Moon ha avuto l'onore di leggere in anteprima, è il primo di una duologia paranormal romance ambientata nella Londra del passato e ricco di mistero, fascino e amore.
Un'epoca dove le apparenze e l'etichetta contavano più dei sentimenti e della veridicità. Anni di maschere e nebbia.

Per saperne di più vi consiglio di dare una lettura veloce alla mia opinione: recensione I PROTETTORI DELL'ORACOLO

Questo sarà un contest all'ultima riga! Sì, miei cari lettori, quella che vi attende è una gara di recensioni -o se preferite di brevi opinioni- su questo misterioso romanzo.

Dovrete esprimere il vostro giudizio (non necessariamente un lungo poema) dopo la lettura di "I Protettori dell'Oracolo -Buio-" sull'applicazione GOODREADS. Se non la conoscete e/o non siete iscritti non importa perché farlo è molto semplice, basta connettersi al sito utilizzando il vostro account FACEBOOK, TWITTER oppure GOOGLE.

Il premio in palio è a dir poco strepitoso e io stessa vorrei vincere questo concorso. La recensione che otterrà il maggior numero di LIKE GOODREADS vincerà il contest. L'autrice leggerà con attenzione le parole, i sentimenti che descriverete dinnanzi al suo lavoro e decreterà quale frase, nell'opinione vincente, è quella che più l'ha colpita e che meglio incarna l'anima della sua opera. Questa frase avrà l'onore di comparire nel seguito del romanzo "I Protettori dell'Oracolo -Luce-" come citazione (con ovviamente il nome del suo autore).
Ma le sorprese non sono finite, perché l'autore della recensione più votata si porterà a casa una copia cartacea del romanzo.


Credo proprio che sareste in molti a scrivere perché è davvero una opportunità imperdibile!

Partecipare è molto semplice. Il form qui sotto raccoglie tutti i passi che dovrete effettuare. Ve li spiego brevemente:
  • LASCIATE UN COMMENTO A QUESTO POST CON IL VOSTRO NOME (account Goodreads)
  • MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK DELL'AUTRICE
  • ESSERE FAN DELL'AUTRICE SU GOODREADS
  • SEGUIRE IL BLOG DELL'AUTRICE: PATRISHA MAR BLOG
  • MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK DEL BLOG STORIE DI NOTTI SENZA LUNA
  • ESSERE LETTORI FISSI DEL BLOG
  • INSERIRE (dopo la lettura) IL LINK DELLA VOSTRA RECENSIONE SU GOODREADS
La gara terminerà il 21 Novembre! Avete tutto il tempo che vi serve.
a Rafflecopter giveaway



Cari lettori del blog, ma sopratutto amati estimatori degli splendidi lavori di Amabile Giusti , purtroppo, in seguito agli accertamenti...


Cari lettori del blog, ma sopratutto amati estimatori degli splendidi lavori di Amabile Giusti, purtroppo, in seguito agli accertamenti che si fanno in queste circostanze, abbiamo appurato una serie di cose che hanno reso necessario l'annullamento dell'operazione di estrazione avvenuta a termine del Blog Tour di Odyssea Oltre le catene dell'orgoglio.  

Ed eccoci, quindi, a procedere con una seconda estrazione. Il romanzo meraviglioso -che ho appena terminato di leggere e a breve avrete la mia umile opinione- in formato cartaceo verrà regalato alla seconda estratta che è: Esther Trimboli.

I miei complimenti a questa ragazza che spero si renderà conto della fortuna che le è capitata!

Cara Esther ti prego di contattarmi attraverso il modulo di contatto del blog per comunicarmi il tuo indirizzo dove inviare il prezioso pacco.  MODULO DI CONTATTO



Colgo l'occasione per ricordare a tutti i link utili per seguire Amabile Giusti nella sua lunga strada a Wizzieville!













Una giornata ricca per le cover italiane. Quella che vi mostro ora, in anteprima assoluta, è stata curata dal bravissimo artista  Corvineri...


Una giornata ricca per le cover italiane. Quella che vi mostro ora, in anteprima assoluta, è stata curata dal bravissimo artista Corvinerium -Gaetano Pezzillo- ed è la copertina ufficiale del romanzo GOTICO di Eilan Moon dal titolo R.I.P. Requiescat In Pace. In uscita a Novembre 2013.

Il romanzo gotico è caratterizzato da un'abbondanza di luoghi religiosi tetri e pittoreschi come conventi, abbazie, antichi castelli, labirinti e, come in R.I.P., i cimiteri. Il cardine di questo genere è l'unione tra le storie d'amore e di terrore, l'amore perduto, i conflitti interiori, il soprannaturale, questa armonia di elementi romantici e dell'orrore sarà il tema centrale di questa storia. 




Dopo più di duecentocinquant’anni dall’Inquisizione e dalla segreta fondazione dell’Avatara, la terra maledetta che  trasforma i morti in Succubi e Incubi non si placa più nemmeno con il Potere del Sangue dei Custodi. Forse l'Apocalisse è ai cancelli e i membri dell'Avatara hanno un piano per impedire al mondo intero il momento della Rivelazione, ma quel progetto prevede qualcosa di terribile. Kaspar Nowak e sua figlia Joanna, da tutti chiamata Asia, dovranno affrontare il ritorno del Male nel cimitero di Cracovia. Per Asia essere una Custode e possedere il Potere del Sangue è una battaglia continua contro una parvenza di vita normale, da mantenere a tutti i costi. Qualcosa non funziona più come dovrebbe e la vita dei Custodi, ma soprattutto quella di Asia, è in serio pericolo. Un modo per porre fine alla maledizione esiste, ma chi dovrebbe metterla in atto brucia dal desiderio di non farlo. Borislav Todorov, affascinante quanto pericoloso Venator dell’Avatara, correrà in soccorso della giovane Joanna, ma i suoi ordini celano segreti inconfessabili, e orrori che il cacciatore non vuole rivelare. L’odio e l’amore che provano l’uno per l’altra divamperà in fuoco e ghiaccio, perché tra loro non esistono mezze misure. Bor tenterà di combattere da solo contro il Male, in qualunque forma decida di svelarsi, purtroppo per lui, però, il Potere del Sangue non può essere ignorato. Per secoli i Custodi hanno protetto la razza umana dalle porte dell'Inferno ma forse, ora, è giunto il momento di spalancarle. 



In attesa di questa storia potete leggere qualcosa dell'autrice qui:







Vi mostro in grande anteprima la cover eccezionale del terzo romanzo della serie: " The Shadows Saga " di  KATHERINE KELLER : Gr...


Vi mostro in grande anteprima la cover eccezionale del terzo romanzo della serie: "The Shadows Saga" di KATHERINE KELLER: Grey Shadow in uscita il 16 Dicembre 2013...

Quando l'ho vista ho pensato subito che fosse la più bella delle tre, questi giochi di colori e le sfumature che sullo sfondo danno vita al bellissimo muso di un lupo, sono spettacolari e se l'opera regge il livello della cover, sarà strepitosa!




Per Christian Bryant cacciare vampiri è una missione. Fa parte di un’oscura natura che lo rende pericoloso e implacabile. È un licantropo, e questo fa di lui un nemico giurato dei vampiri. Tiana Goodwin è una donna mite con pochi sogni, che ha dovuto rimettere in discussione la sua intera esistenza dopo essere stata trasformata in un vampiro.L’infido destino decide per loro e li mette l’uno sulla strada dell’altra. La giovane e inesperta vampira troverà nel cacciatore il suo carnefice, oppure la sua salvezza? Potrà l’odio atavico che regna fra le loro specie essere vinto dalla fiducia e da un nuovo sentimento che attende solo di sbocciare? Il passato in agguato, nascosto nell’ombra, renderà le cose difficili, e un nemico molto potente, è pronto a colpire. Chris e Tiana dovranno decidere se abbattere il muro che li divide e unirsi nella lotta. Un’appassionata, quanto crudele storia d’amore, dove non c’è spazio per la pietà. Passione, paura, accettazione di se stessi, in un turbine di emozioni da svelare pagina dopo pagina, sono gli ingredienti di questo terzo capitolo di “The Shadows Saga

 “Non era lucida, perché cominciava a desiderare Chris, ed era qualcosa di inaccettabile e soprattutto perverso.”


Se volete conoscere i capitoli precedenti di questa saga unica  e di successo, trovate qui sotto le recensioni dei due romanzi precedenti. Non potete non averli tra le vostre letture, sarebbe una grave perdita.







Amabile Giusti ha scelto, dopo attenta riflessione, la colonna sonora, tra quelle proposte da voi nella prima tappa del Blog Tour di Odyss...


Amabile Giusti ha scelto, dopo attenta riflessione, la colonna sonora, tra quelle proposte da voi nella prima tappa del Blog Tour di Odyssea Oltre le catene dell'orgoglio, che farà da sfondo musicale al suo book trailer.
Una scelta davvero azzeccata e qui scattano i ringraziamenti a chi l'ha proposta: Ledi! Bravissima!



Per leggere le splendide parole della canzone e ascoltarla passate dal blog dell'autrice!

PAROLE DI CARTA: Colonna sonora vincitrice del contest: Non mi sono dimenticata di scegliere la colonna sonora tra quelle che avete proposto nel blog di Eilan Moon , ho solo dovuto rifletterci ...




Cari amici del blog e fan di Liliana Marchesi , siamo arrivati alla fine. Chi l'avrebbe detto che il tempo sarebbe trascorso tant...




Cari amici del blog e fan di Liliana Marchesi, siamo arrivati alla fine. Chi l'avrebbe detto che il tempo sarebbe trascorso tanto velocemente? Ed ora siete pronti a gustarvi l'inedito capitolo RIEMERSO DALLE TENEBRE dal punto di vista del valoroso Seth?

L'autrice invierà alla vostra mail il capitolo inedito personalizzato. Un vero onore a mio modesto parere, quindi cari partecipanti: Angela, Federico, Giovanna, Ilaria, Katia, Lara, Lia, Lorenza, Miriam, Patrizia, Raffaella, Sonia che avete completato tutti i passaggi obbligatori controllate la vostra casella di posta elettronica perché è in arrivo il vostro regalo.

Vi ricordo che avevamo promesso una speciale sorpresa a chi avesse totalizzato più punti nel contest. In verità le sorprese sono due, due possibilità di scelta al vincitore che si è guadagnato, giustamente, il premio.

Io, da parte mia, invierò il bel segnalibro del blog STORIE DI NOTTI SENZA LUNA, direttamente a casa e Liliana Marchesi offre la scelta tra due splendidi regali:
l'edizione integrale digitale della Trilogia che comprende al suo interno:
- "L'origine del peccato"
- "L'innocenza del peccato"
- "L'ultimo respiro per la redenzione"
- "Riemerso dalle tenebre", capitolo inedito post epilogo, vissuto con gli occhi e il cuore di Seth!
- Una struggente lettera d'addio scritta da uno dei personaggi maschili.
- E in anteprima esclusiva, prefazione e primo capitolo di "Lacrime di Cera", l'attesissimo Paranormal Romance Distopico di Liliana Marchesi in uscita nel 2014

oppure una copia cartacea di "L'ultimo respiro per la redenzione" con dedica dell'autrice.

Veniamo ora a chi si è aggiudicato il premio!
Devo ammettere che siete stati tutti bravi, una battaglia ardua di condivisioni, foto e recensioni!

Eccovi il podio delle tre protagoniste del contest che sino all'ultimo si sono contese la vincita, ma solo una si porterà a casa il suo premio:




3° POSTO

GIOVANNA (94 PUNTI)

2° POSTO

LARA (127 PUNTI)

1° POSTO

RAFFAELLA (293 PUNTI)



Complimenti a tutte e tre le ragazze ma in particolare a Raffaella che ha vinto e ha dimostrato di essere una accanita amante della Trilogia

Grazie a tutti i partecipanti, senza di voi il contest non sarebbe esistito. Vi auguro una buona lettura di RIEMERSO DALLE TENEBRE e vi ricordo di scrivere la vostra opinione a questo capitolo da sospiri e batticuore su Goodreads qui: OPINIONE SUL CAPITOLO.

Mi auguro tanto che questa gara con i suoi premi vi sia piaciuta e che continuiate a seguire il mio blog e questa talentuosa autrice nostrana.






Tappa finale del Tour che ha visto protagonista il secondo capitolo della saga di Amabile Giusti : Odyssea, Oltre le catene dell'o...




Tappa finale del Tour che ha visto protagonista il secondo capitolo della saga di Amabile Giusti: Odyssea, Oltre le catene dell'orgoglio. Se volete scoprire qualcosa di più sulla scelta dell'autrice di passare dall'editore all'autopubblicazione, ma sopratutto scoprire se avete vinto la copia cartacea del romanzo, allora passata del blog: PAROLE DI CARTA: E siamo arrivati alla fine di questo viaggio all’interno dei blog, tenendo per mano Odyssea e Jacko , insieme a Eilan  STORIE DI NOTT...






Volevate sapere quale sorpresa Liliana Marchesi aveva preparato per il termine del Contest qui sul mio blog? Eccovi finalmente la ri...



Volevate sapere quale sorpresa Liliana Marchesi aveva preparato per il termine del Contest qui sul mio blog?
Eccovi finalmente la risposta!

IL VINCITORE avrà l'onore di scegliere il suo regalo tra:
  1. LA TRILOGIA DEL PECCATO -EDIZIONE INTEGRALE- CON CAPITOLI INEDITI in versione digitale Kindle
  2. L'ULTIMO RESPIRO PER LA REDENZIONE in formato cartaceo con dedica dell'autrice
Entrambi i regali saranno correlati dal mio speciale pensiero per chi mi segue, il bel segnalibro del blog STORIE DI NOTTI SENZA LUNA.


Veniamo a noi, il 17 Settembre annunceremo il vincitore del divertente contest TRILOGIA DEL PECCATO, il bravo lettore che ha totalizzato più punti in assoluto. Tutti i partecipanti che hanno effettuato i passaggi OBBLIGATORI riceveranno il capitolo inedito RIEMERSO DALLE TENEBRE gratuitamente nella loro casella mail. Avete ancora qualche ora per tentare di accumulare punti e ricevere uno degli splendidi regali qua sopra. Uno più meraviglioso dell'altro!

La versione integrale è disponibile per l'acquisto da oggi su Amazon allo speciale prezzo di 4,99€, il link diretto lo trovate qua sotto al termine del post.

Vi lascio ad assaporare la splendida Cover, ovviamente made Liliana Marchesi, e vi attendo numerosi per il GRAN FINALE il 17 Settembre!


Il Giardino dell'Eden è un luogo paradisiaco, in cui gli Edeni, creature dotate di una straordinaria bellezza e di incredibili capacità, condizionano l'equilibrio fra bene e male sulla Terra.
Ma che cosa accadrebbe se questo equilibrio si spezzasse?
Cosa accadrebbe se un Edeno assaggiasse i piaceri di una vita più intensa?
Un frutto proibito ha scatenato l'inferno, ora spetterà all'amore far risorgere il paradiso!

L'edizione integrale della Trilogia che ha rivisitato il Peccato Originale in chiave Paranormal Romance.
Al suo interno troverete:
- "L'origine del peccato"
- "L'innocenza del peccato"
- "L'ultimo respiro per la redenzione"
- "Riemerso dalle tenebre", capitolo inedito post epilogo, vissuto con gli occhi e il cuore di Seth!
- Una struggente lettera d'addio scritta da uno dei personaggi maschili.
- E in anteprima esclusiva, prefazione e primo capitolo di "Lacrime di Cera", l'attesissimo Paranormal Romance Distopico di Liliana Marchesi in uscita nel 2014!

LA TRILOGIA su Goodreads







TITOLO : I PROTETTORI DELL'ORACOLO -BUIO- AUTORE :  PATRISHA MAR DATA DI PUBBLICAZIONE:  24 SETTEMBRE  PAGINE : 220 P...


TITOLO: I PROTETTORI DELL'ORACOLO -BUIO-
AUTOREPATRISHA MAR
DATA DI PUBBLICAZIONE: 24 SETTEMBRE 
PAGINE: 220
PREZZO: 2,99€ (presto disponibile anche in cartaceo)
SINOSSI UFFICIALE:
Bernadette e Benjamin Nicholls sono fratelli, nati per essere Protettori e per combattere i Notturni, mostri nascosti nell'oscurità della notte londinese.
Sentono di non avere scelta. La loro vita è votata al sacrificio e alla caccia.
Ma un giorno saranno costretti a rimettere in discussione il loro credo e le parole dell'Oracolo, il testo sacro dei Protettori.
Due storie d'amore volute dal destino. Due grandi sentimenti che si intrecciano sullo sfondo di una guerra combattuta nell'ombra.
Quattro personaggi indimenticabili che vi accompagneranno in un viaggio alla ricerca della verità e della realizzazione dei rispettivi sogni e desideri.
Passione, amore, fiducia, dolore e voglia di riscatto nel primo romanzo di una duologia paranormal romance tutta da scoprire.

LA MIA OPINIONE:

Il genere paranormal romance è una miscela, ben amalgamata, il cui ingrediente principale è la storia d'amore che viene poi mescolata con un paio di pizzichi di fantasy. I Protettori dell'Oracolo è un fulgido esempio di questo genere. Quando ho visto la copertina ho subito deciso che avrei letto questo romanzo, esordio, da autrice in solitario, di Patrisha Mar, già conosciuta per la saga di successo The Shadows Saga scritta a quattro mani con Angela C. Ryan sotto lo pseudonimo di Katherine Keller. L'autrice ha unito sapientemente l'ambientazione e l'epoca del milleottocento con una trama moderna e dei personaggi profondi, che colpiscono dritti al cuore. I caratteri principali sono quattro ma uno su tutti mi ha riempito l'anima grazie alla sua serenità, alla forza e al tempo stesso alla delicatezza, sembrano termini contraddittori ma credetemi non lo sono. Sto scrivendo di Cassandra. Questa giovane e sfortunata donna il cui destino è stato tanto crudele con lei sin dalla nascita, mi ha conquistata. Leggere di lei ha alleggerito il mio cuore e mi ha molto fatto riflettere. Cercherò di spiegarvi in poche parole perché Cassandra mi abbia tanto colpita. Questa ragazza è stata sola sin dal suo primo vagito, ripudiata dalla madre e dal padre perché cieca -in un epoca tanto triste come quella descritta dall'autrice è un fatto del tutto realistico- si è ritrovata sola a vivere, anzi sopravvivere, solamente grazie alla pietà e alla compassione che questa creatura sfortunata suscitava nei puri di cuore. Ma nessuno è più puro di lei. La sua inabilità a vedere come tutti, si trasformerà in un dono meraviglioso e Cassandra amerà la sua vita solitaria e un pochino triste con tutta la serenità di coloro che hanno poco e apprezzano e godono sino in fondo anche i più piccoli miracoli di tutti i giorni. Miracoli che chi è veramente cieco nell'anima non riesce a intravedere. La pace e l'aura di serenità che irradia Cassandra colpirà il giovane ProtettoreBenjamin, che si ritroverà a cercarla quasi con disperazione perché solo al suo cospetto il suo animo ferito e travagliato trova la pace di cui ha disperatamente necessità. Lui e sua sorella gemella, Bernadette, combattono tutte le notti contro i Notturni. Demoni? Mostri? Alieni? non è dato sapere in questo primo capitolo della storia. Sulla loro missione e sulle creature malefiche che popolano la Londra notturna, l'autrice ci dice poco e lascia tutto coperto da una fitta nebbia di mistero, ben rappresentata dal capo dei Protettori, l'enigmatico e anche inquietante The Phoenix. La vita sociale dell'epoca viene ben trattata e descritta, riusciamo a coglierne tutti gli aspetti proprio grazie alla forte e determinata Bernadette, che odia le regole dell'epoca, e il gentiluomo ribelle Joseph Fitzroy, costretto a celare la sua natura indomita per le assurde costrizioni e leggi di un epoca dove le apparenze erano più importanti della sostanza delle cose e sopratutto delle persone. Nella trama si intrecceranno due storie d'amore che si affacciano e si osservano allo specchio. Perché sono sentimenti uguali e al tempo stesso opposti. Mentre Ben è alla ricerca di pace e purezza nell'amore di Cassandra, la quale non riesce a credere di essere corteggiata e amata, dall'altra parte dello specchio troviamo Bernadette che non può e non vuole arrendersi ai sentimenti dichiaratale dall'unico uomo di cui si sia mai interessata: Joseph. I ruoli dei due gemelli sembrano essere invertiti nel rapporto affettivo con i rispetti innamorati. I Protettori dell'Oracolo -Buio- è una intensa ma al tempo stesso delicata storia d'amore e di maturazione, un romanzo consigliato a tutti coloro che cercano quelle storie romantiche e uniche costituite di sensazioni, sguardi e mani che si sfiorano. Se inizierete questa lettura non vi staccherete sino all'ultima pagina e le scene vi entreranno nel cuore e pregherete di aver la fortuna di incontrare anche voi la vostra Cassandra o il vostro Joseph. Devo però avvisarvi. Una nota negativa nel romanzo c'è e non posso tacerla. Arriverete alla fine e... continua... Sì, Patrisha Mar è stata molto cattiva e lascerà i suoi lettori con la bocca aperta a fissare quella parolina piccola e odiosa: "continua...". Un finale quello di quest'opera che non è un finale ma una stroncatura a metà storia. E che dire? speriamo che il seguito esca in fretta oppure saremo costretti a fare stalkeraggio all'autrice.

GIUDIZIO COMPLESSIVO:









TITOLO : SHADOWHUNTERS - CITTA' DI VETRO AUTORE :  CASSANDRA CLARE TRADUZIONE:  MARIA CRISTINA LEARDINI EDITORE:  MONDADORI ...


TITOLO: SHADOWHUNTERS - CITTA' DI VETRO
AUTORECASSANDRA CLARE
TRADUZIONE: MARIA CRISTINA LEARDINI
EDITORE: MONDADORI
PAGINE: 576
PREZZO: 6,99€ (disponibile anche in cartaceo)
SINOSSI UFFICIALE:
Clary era convinta di essere una ragazza come mille altre, e invece non solo è una Shadowhunter, una Cacciatrice di demoni, ma ha l'eccezionale potere di creare rune magiche. Per salvare la vita di sua madre, ridotta in fin di vita dalla magia nera di suo padre Valentine, Clary si trova costretta ad attraversare il portale magico che la porterà nella Città di Vetro, luogo d'origine ancestrale degli Shadowhunters, in cui entrare senza permesso è proibito. Come se non bastasse, scopre che Jace, suo fratello, non la vuole laggiù, e Simon, il suo migliore amico, è stato arrestato dal Conclave, che non si fida di un vampiro capace di sopportare la luce del sole. Con Valentine che chiama a raccolta tutti i suoi poteri per distruggerli, l'unica possibilità de Shadowhunters è stringere un patto con i nemici di sempre: i Figli della Notte, i Nascosti e il Popolo Fatato. E mentre Jace si rende conto poco a poco di quanto sia disposto a rischiare per Clary, lei deve imparare a controllare al più presto i suoi nuovi poteri. L'amore è un peccato mortale... forse, e i segreti del passato rischiano di essere fatali.

LA MIA OPINIONE:

La battaglia finale si avvicina e tutto sembra essere contro Jace e Clary. Questo è un romanzo che canta con soavi suoni i sentimenti più nobili che spingono i protagonisti nelle loro azioni e nei loro sacrifici. Tutti i personaggi subiranno un'importante crescita personale. La maturazione che avverrà, grazie alla sofferenza e alle rivelazioni finali, renderà il lettore sempre più coinvolto e credetemi se vi scrivo che io ho avuto i brividi leggendo questa splendida storia. In Città di Vetro, Valentine mostrerà il suo lato più oscuro e terribile, le sue azioni raccapriccianti vi faranno stare fisicamente male. Se qualcuno aveva osato credere che questo Shadowhunter non fosse poi tanto cattivo... qui si dovrà ricredere. I colpi di scena saranno molti e alcuni davvero devastanti. Le perdite che Jace, Clary e i Ligthwood dovranno affrontare saranno terribili, vi consiglio di preparare i fazzoletti vicino alla vostra postazione di lettura perché di lacrime ne scenderanno a fiotti. Cassandra Clare ha la capacità di ribaltare tutto ciò in cui avete creduto sin'ora e scaraventarvi in faccia la realtà con la forza devastante di un vulcano in eruzione. In questo nuovo capitolo della saga amerete tutti i personaggi, anche il controverso e antipatico Alec vi mostrerà quel suo lato umano ben celato nelle profondità dell'anima e smetterà di nascondersi nel gelo di un'apparenza rude per non rivelare la sua vera natura alla famiglia; imparerà ad accettarsi per quello che è e anche ad amare se stesso come ha amato il fratello Jace. Conosceremo meglio il misterioso Magnus Bane, Isabelle e la vita di Luke prima di ricevere il morso che l'avrebbe trasformato in lupo mannaro. Tutti gli indizi che Cassandra Clare ci ha lasciato nei due romanzi precedenti andranno ad unirsi per formare il disegno finale e rivelare tutte le verità nascoste. Alcune piacevoli -molto piacevoli- altre terribili e mostruose. I traditori sono nascosti in bella vista e si mostrano a tutti con le loro maschere trasparenti, ma sarà difficile vederci attraverso sino a quando non saranno loro stessi a rivelarsi. Il nostro amato Simon, unico vampiro diurno mostrerà immenso coraggio e spirito di sacrificio, la simpatia/antipatia che lui e Jace nutrono l'uno per l'altro sarà fonte di ironia e divertimento, con le loro battute doneranno alla storia quel tocco in più. La caratterizzazione dei personaggi è sempre superba, come ci ha abituato questa autrice dalle mille qualità. Alicante è un luogo magico e carico del potere degli Shadowhunters di tutte le generazioni, un aspetto questo da non dimenticare. La storia di Valentine, Jocelyn e Luke, gli Herondale, i Lightwood, i Fairchild è iniziata ad Alicante, la Città di Vetro, e lì dovrà finire. Un cerchio che si chiude e rivela segreti nascosti in un passato nemmeno troppo lontano. Una lettura che mi ha appassionata e posso in tutta sincerità ammettere che è in assoluto il romanzo migliore dei tre. Devo, però, annotare che la casa editrice Mondadori ha fatto un pessimo lavoro per il formato digitale di questa stupenda storia. Refusi ovunque, i "Jace" che magicamente si trasformavano in "Jake", apostrofi inesistenti, parole ripetute due volte, errori ortografici, cose che mi hanno a dire poco infastidita. Sviste di questo tipo sono per me inaccettabili da un editore illustre e famoso come questo, considerato sopratutto il prezzo non modico dell'edizione epub che ho acquistato. Solo per questa negativa offerta dalla Mondadori dovrei attribuire al romanzo una sola stella di giudizio complessivo, in quanto, a mio parere, risulta davvero insufficiente e sconsiglio a tutti l'acquisto di Città di Vetro in questa edizione. Mi auguro che il cartaceo, sia la versione best seller -di minor prezzo- che quella rilegata, non mostri degli errori tanto madornali e fastidiosi. Ho deciso che la valutazione complessiva non terrà in considerazione la presentazione del romanzo che ci ha fornito l'editore italiano perché Cassandra Clare e il suo Città di Vetro merita davvero di essere letto e apprezzato fino in fondo. Non sono molti i romanzi che fanno venire i brividi, coinvolgono e lasciano qualcosa al lettore come questo capolavoro. Per chi ha apprezzato le due opere precedenti, questa sarà un'esplosione di emozioni, un'ossessione dalla quale non vi libererete nemmeno al termine della lettura. Grazie a questa autrice per aver creato un universo così piacevole e dei personaggi indimenticabili come questi.

GIUDIZIO COMPLESSIVO:













Benvenuti miei cari lettori nel fantastico mondo di Odyssea . Il secondo romanzo di questa bella saga sarà disponibile in digitale su Amaz...


Benvenuti miei cari lettori nel fantastico mondo di Odyssea. Il secondo romanzo di questa bella saga sarà disponibile in digitale su Amazon dal 17 Settembre ed io ho avuto l'onore di ospitare una delle sei originalissime tappe del blog tour di Odyssea, Oltre le catene dell'orgoglio nel mio piccolo angolino web.

La tappa di Storie di notti senza Luna è proprio la prima, onore doppio! Il calendario dell'iniziativa lo trovate subito sotto e vi consiglio, se non l'avete già fatto, di cliccare sui nomi dei blog partecipanti per visitare questi straordinari gioiellini ricchi di amore per la lettura.

Al termine del blog tour ci sarà l'estrazione, attraverso il programma RANDOM, del vincitore del giveaway legato al viaggio virtuale che compirà il romanzo. Per tutti i dettagli vi rimando alla sua presentazione nel blog dell'autrice Amabile Giusti a questa pagina:
Partecipare per vincere il premio non è difficile e ogni tappa è divertente e svela qualcosa in più sul seguito di questa saga tutta nostrana che non ha nulla da invidiare a quelle d'oltreoceano.

CALENDARIO BLOG TOUR

04/09 PAROLE DI CARTA (presentazione blog tour e del giveaway)
06/09 STORIE DI NOTTI SENZA LUNA (Tappa uno: primo capitolo di Odyssea Oltre le catene dell'orgoglio in anteprima, e relativo contest per la scelta della colonna sonora del romanzo)
08/09 STELLE NELL'IPERURANIO (Tappa due: intervista doppia in stile"Le Iene" a Jacko e Jordy)
10/09 IL RUMORE DEI LIBRI  (Tappa tre: il divertentissimo test: Qual è il tuo tipo ideale Jacko, Jordy, o Squartavene? )
12/09 SOGNANDO TRA LE RIGHE (Tappa quattro: dibattito sull'amore e i rapporti famigliari all'interno della saga)
14/09 ROMANTICAMENTE FANTASY (Tappa cinque: Citazione Day, un breve brano da tutti i romanzi della saga di Odyssea in super anteprima)
16/09 PAROLE DI CARTA (Tappa finale: approfondimento sulla scelta dell'autopubblicazione e sorteggio del vincitore del giveaway tra coloro che hanno completato il form)



Entriamo nel vivo della mia tappa perché sono certa che non state più nella pelle e bramate di leggere in super anteprima il primissimo capitolo di Odyssea, Oltre le catene dell'orgoglio.
Prima, però, ricordate di compilare la tabella qua sotto -se non l'avete già fatto nel blog PAROLE DI CARTA- in modo da poter partecipare all'estrazione del premio in palio. Tutti i campi sono obbligatori.

a Rafflecopter giveaway




Veniamo a noi e alla tappa del blog. Tra pochissimi istanti potrete leggere il primo capitolo di Odyssea, Oltre  le catene dell'orgoglio -state svenendo?- quando avrete terminato la lettura e assaporato ogni magica parola nata dalla penna di Amabile Giusti dovrete riflettere sulle sensazioni che questo passo vi ha lasciato e cercare di spiegarlo attraverso una canzone. Avete capito bene! Dovrete scegliere la colonna sonora che a vostro giudizio rappresenta meglio l'atmosfera della storia.

I dettagli a dopo, ora vi lascio a Odyssea, Jacko e l'incantevole mondo di Wizzieville.


1
PRIMO GIORNO DI SCUOLA

Odyssea si osservò le mani e si accorse che tremavano. Strinse i pugni con energia, indispettita da se stessa e da quella puerile reazione. Non stava dimostrando un coraggio all’altezza della fama che si era meritata la scorsa estate. Affrontare il primo giorno di scuola non era certo pericoloso quanto combattere contro Squartavene e riportare a casa la pelle, viva anche se un po’ malconcia. Eppure, adesso, in procinto di affrontare quell’esperienza così comune per tanti altri ragazzi, non poteva negare di provare un’emozione molto simile al panico. Pur avendo sedici anni compiuti da un pezzo e una storia alle spalle che avrebbe fatto crescere in fretta anche un sasso, in quel momento si stava comportando come una bambina ancora odorosa di latte.
Non stai mica andando nella Foresta Tenebrosa. Quasi quasi te la fai sotto più adesso di allora. Sei decisamente assurda. Di cosa hai paura?
Be’, innanzi tutto detestava il suo aspetto. Era più magra che mai, alta come un lampione e tutta gomiti, ginocchia e spigoli acuti, senza nemmeno una morbidezza. La divisa prevista dal regolamento scolastico non la aiutava in alcun modo. Sembrava la parodia di una collegiale da telefilm del Mondo-altrove. Una gonna azzurra a pieghe perfettamente stirate, lunga fino ai polpacci. Una giacca dello stesso colore, con tre grandi bottoni di smalto dorato. Una camicia bianca con un colletto voluminoso, a metà tra un ventaglio e un collare. Una calzamaglia scura, tanto pesante da non rivelare neanche un’ombra di pelle, e scarpette basse, da bambola, di vernice blu pavone.
In quell’istante, Fagola le si posò su una spalla.
«Che ne pensi?» le domandò Odyssea «Sono bruttissima o solo brutta?»
La farfallina, con le ali d’un arancio carico in omaggio al sole che brillava fuori, si cimentò in un voletto danzante intorno allo specchio.

Non hai affatto l’aspetto che credi
brutta e bruttissima io non direi
non sto mentendo, sei tu che non vedi
mia dolce amica, che bella sei.
Hai l’innocenza di un giovane fiore
lunghi capelli di seta e oro nero,
è indubbiamente il tuo malumore
ad impedirti un giudizio sincero.

Odyssea sorrise, le sfiorò un’ala con un dito, e mormorò con tono malinconico: «Lo so che non menti, piccolina. È l’affetto che ti rende troppo gentile. Spero di riuscire a farmi degli amici. Con Lindia è facile, a lei non importa se dico stupidaggini o se non spiccico parola, lei da sola parla per due, per tre e anche per quattro, ma gli altri penseranno che sono una scema.»
Scrollò le spalle, continuando a osservare la ragazza riflessa nello specchio, che la contraccambiò con lo stesso gesto inquieto.
Fagola non smise di volarle attorno, donandole i suoi suggerimenti cantati:

Tace chi pensa, chi sogna e chi è saggio,
chi sa ascoltare anche un cuore sfuggente,
mostra il sorriso e prendi coraggio,
ch’esser ciarliera poi stufa la gente.

«Non lo so, mi guarderanno storto, te lo dico io. Se non è per il fatto che non sono spiritosa, sarà perché sono stata ammessa al quarto anno senza nemmeno un esame. La nonna dice che è normale, che è già successo, che sarebbe ridicolo costringermi a frequentare le prime classi dove si insegnano cose che io so fare schioccando due dita, ma credo proprio che mi sopravvaluti. Guarda, schiocco le dita e non succede nulla.»
Fece rintoccare pollice e medio con un colpo secco, quasi a voler dimostrare che aveva ragione a non considerarsi niente di speciale. Per tutta risposta il coperchio del baule ai piedi del letto si sollevò con uno scatto e il suo contenuto – una dozzina di abiti di Joyce tutti trine e merletti – prese a danzare una quadriglia nell’aria, i draghi dipinti sul paravento di raso emisero un ringhio, e i fiori intarsiati nel baldacchino divennero veri, sbocciando come pop corn color fragola.
Odyssea rimase a bocca spalancata e fece schioccare di nuovo le dita. I vestiti si tuffarono nel baule e il coperchio si chiuse, i draghi rampanti tacquero, e i fiori tornarono di legno scuro e lucido.
Fagola emise una risatina squillante, simile al suono di una nacchera d’argento.
«Be’, forse in fin dei conti la nonna ha ragione, però, come vedi, non li so controllare questi poteri. E se do fuoco a qualcosa? Ricordi quel giorno sulla veranda? Per poco non facevo del male a mamma, e non volevo, ti giuro che non volevo, ero solo arrabbiata per colpa di Jacko.»
Su quel nome arrossì istintivamente. Il pensiero di lui la fece sentire come se una mano invisibile le entrasse nel petto e le comprimesse il cuore fra le dita. Un leggero capogiro la costrinse a sedersi sul letto.
«Non lo vedo dalla Festa d’Autunno, te l’ho raccontato, vero? Quando mi ha fatto capire che mi vuole bene ma non è innamorato di me, e preferisce Letizia. Come dargli torto? Quella megera è scandalosamente bella, accidenti a lei. Sono sicura che questa stupida divisa non la fa sembrare uno spaventapasseri. Sai che nelle ultime settimane ho avuto la tentazione di andare alle scuderie per dirglielo? Per dirgli che… che lo amo intendo. Oh, lo so cosa stai per dirmi, piccoletta chiacchierona. La stessa cosa che mi direbbe mia madre, la stessa cosa che direbbe lui. Lo conosco da pochissimo, ho solo sedici anni, che ne so se lo amo davvero? Bla bla bla. Ma io lo so, però non ci sono andata, mi sono fermata sempre prima degli ultimi alberi. Mi avrebbe riso in faccia, credi che non lo sappia? Devo pensare a lui come un semplice amico…» emise un sospiro e fece una smorfia, come se qualcosa le procurasse un dolore fisico «Come se fosse facile… Quando pensi agli amici il cuore ti batte dentro il palato e le gambe ti diventano molli? Non credo proprio… Me lo spieghi tu come faccio a guarire da questa malattia? Come faccio a non amarlo più?»
Fagola stava per risponderle, quando sua madre comparve sulla porta.
«È ora di andare, vuoi che ti accompagni?»
Odyssea scosse il capo con decisione e Grace non insisté.
Poco dopo, con la testa piena e il cuore vuoto, vestita come un’educanda, i capelli sempre più lunghi a sfiorarle le guance, un broncio incrollabile sulle labbra, e Joyce che la salutava dal portone mandandole baci sulle dita di una mano, Odyssea uscì di casa per affrontare la sua nuova vita.

***
Davanti all’ingresso della Scuola Superiore di Magia Applicata di Wizzieville sostava una vera e propria folla. Più di un centinaio di studenti si trattenevano lì prima di entrare e il brusio delle loro chiacchiere era festoso e disinvolto. Le ragazze indossavano una divisa uguale alla sua, mentre i ragazzi portavano pantaloni azzurri, camicie con il colletto a punta, blazer con bottoni dorati lungo i polsini e stivaletti dello stesso splendente blu pavone.
Trasse un profondo respiro, tremando come una foglia, e s’incamminò. A mano a mano che si avvicinava notò che i primi gruppi, dopo essersi accorti di lei, si zittivano all’improvviso. Vide alcune ragazze fissarla con un misto di ammirazione e invidia, e i ragazzi rivolgerle sguardi amichevoli e intimiditi allo stesso tempo.
No, non sarebbe stato facile farsi degli amici.
Quando, in quell’anonima marea, scorse il viso familiare di Lindia si sentì sollevata. L’amica la riconobbe a sua volta e le andò incontro, con le gote rese turgide da un sorrisone.
«Eccoti qua!» esclamò, trascinandola da un braccio verso un capannello di ragazze.
A parte Helize, che sulle prime le parve un’altra persona poiché aveva i cespugliosi capelli arancioni accuratamente lisciati con una specie di brillantina oleosa, per Odyssea erano quasi tutte facce nuove. Lindia, da perfetta padrona di casa, fece le presentazioni.
Rana Olivis, una ragazza dall’aspetto autoritario, con un ordinato caschetto di capelli castani e spesse lenti ovali sugli occhi verde mare, le porse la mano con aria severa.
Verella Hamilton, una moretta con occhi grandi e liquorosi, le sorrise con fare gentile, e lo sguardo scuro che faceva il paio con il colore della sua pelle d’ebano le si rivolse pieno di affettuosa curiosità.
Hannah Bassus, bruna, piccola e robusta, la travolse con un abbraccio inaspettato. Odyssea ebbe l’impressione di averla già vista, forse durante la Notte delle stelle, sebbene allora nessuno avesse provveduto a presentargliela.
«Diventeremo grandi amiche!» esclamò Lindia eccitata.
«Sei stata ammessa al quarto anno», osservò Rana con tono infastidito.
«Guardate chi sta arrivando!» le avvertì Hannah. «No, Lindia, non girarti subito! Suo padre sarà stato anche un traditore, ma secondo me lui è il più…» Si interruppe, diventando purpurea sul viso già arrossato da una fitta coltre di brufoli. Rana emise una tossetta nervosa. Per un meraviglioso attimo Odyssea credette che stesse parlando di Jacko. Ma quando realizzò che Jacko non frequentava la scuola e suo padre era stato riabilitato, e pertanto non era più considerato un traditore, avvertì la vibrazione di una voce nota che pronunciava il suo nome.
Jordy Angel, assolutamente magnifico nella divisa che faceva apparire i suoi occhi ancora più azzurri, perfino più alto di quanto ricordasse, e di sicuro molto meno afflitto dell’ultima volta che i loro sguardi si erano incontrati, le rivolse un sorriso a tutta bocca. Era insieme a due amici, e non si poteva negare che formassero un attraente terzetto di giovanotti. Verella e Hannah spalancarono gli occhi incantate, e quest’ultima fu costretta a nascondersi dietro Rana per celare l’imbarazzo. Ma Rana non sembrava molto più in sé di lei. Era impallidita e aveva perso la sua espressione intransigente. Adesso sembrava soltanto timida.
«Ciao ragazze», disse Jordy. «Come stai Lindia? Helize, Rana, Verella, Hannah», sussurrò, abbozzando un inchino a ogni nome. Le ragazze gli risposero con uguale cortesia «Ciao Odyssea», concluse, puntandole gli occhi addosso con un sorriso perfetto.
«Ciao», rispose Odyssea, visibilmente a disagio.
«E così ti sei iscritta anche tu», continuò lui. «Sono proprio contento.» Altro sorriso, altra schiera di denti bianchissimi, altri occhi turchesi che si strizzavano un poco. Poi Jordy si voltò verso i suoi amici e Odyssea notò che uno dei due era il ragazzo che la sera della Festa d’Autunno l’aveva invitata a ballare. «Posso presentarti Gebediah Anders e Tullius Grey?» Quindi rivolgendosi a quest’ultimo aggiunse: «Tullius, non avevi qualcosa da dire a Verella?»
Su quelle parole, ignorando gli altri, Jordy la prese per mano scortandola in disparte.
«Non sai quanto io sia felice», mormorò. «Sapere che frequentiamo la stessa scuola è magnifico. Con te sento di poter parlare. Che giorni ho passato, però ora sono più tranquillo, almeno so che mio padre ha agito contro la sua volontà.»
Odyssea inghiottì a vuoto e si augurò di essere riuscita a mascherare lo stupore che aveva sentito sbocciare sul viso. Lei sapeva da fonte certa che Hamlet Angel aveva agito in assoluta corrispondenza con la propria volontà. Ma capì quanto fosse facile, e necessario, per Jordy credere alla versione del padre. Solo così avrebbe potuto continuare, nonostante tutto, a guardare il mondo senza abbassare gli occhi.
«Sono felice che tu stia meglio», disse Odyssea, evitando qualsiasi allusione al signor Angel, poiché nulla al mondo l’avrebbe indotta a fingere il benché minimo sentimento benevolo nei confronti di quell’uomo spietato.
«Ancora mi chiedo come abbia fatto Jacko O’Donnell a prendere quella documentazione, ma lascia che lo scopra e…»
Odyssea rabbrividì. Sperò non esistesse qualche magia in grado di leggere nei pensieri altrui, poiché altrimenti Jordy avrebbe visto la sua timida amica che si introduceva furtivamente nell’archivio del padre, con la complicità silenziosa di Clodoveo, e trafugava la busta sigillata nascosta nel forziere.
Per fortuna Lindia intervenne a liberarla da quella scomoda situazione.
«Allora, entriamo?» la esortò. «Non vorrai perderti la cerimonia d’inizio?»

* * *

L’Auditorium era una vasto locale circolare con alti soffitti di legno scuro. Il pavimento di marmo era ricoperto da centinaia di poltroncine di pelle rossa. Le pareti erano anch’esse rivestite di legno, ed eleganti applique di vetro, all’interno delle quali guizzavano fiammelle dorate, diffondevano ovunque una luce soffusa. Il lampadario sospeso era ancora più straordinario di quello che Odyssea aveva visto nella biblioteca. Immenso, pendeva in centinaia di piccole sfere color sangue sormontate da altrettante candele. Sembrava un gigantesco grappolo d’uva matura con acini di cristallo. In fondo alla sala, in leggera pendenza, si ergeva un palcoscenico drappeggiato da un fondale di velluto cremisi. Tutto il perimetro del palcoscenico e il corridoio centrale che separava le due lunghe file di poltroncine erano decorati da ghirlande di fiori, in cui si distinguevano il giallo vivo dei girasoli, l’azzurro tenue dei fiordalisi e il viola profondo delle orchidee.
Lindia continuò a guidarla tenendola per mano. Odyssea si sentiva sempre più agitata. Il mormorio spigliato dei ragazzi, le luci che si riflettevano sul lampadario, e la vista dei numerosi insegnanti che già riempivano la sala, disposti nelle primissime file, le avevano fatto aumentare i battiti del cuore.
Lei e Lindia, seguite dalle altre ragazze, trovarono posto avanti. Helize si guardava intorno, rivolgendo ampi saluti ora a destra ora a sinistra, con l’aria tronfia di una regina in carrozza. Verella era ancora con il ragazzo di nome Tullius, che le parlava tenendo la testa piegata da un lato mentre lei lo ascoltava sorridendo. Hannah s’era accoccolata su una poltroncina. Tirando a sé la manica di Odyssea, le domandò a bruciapelo e a voce alta:
«Ma come fai? Qual è il segreto per attirare l’attenzione di Jordy?»
«Innanzi tutto non essere brutte come te», esclamò alle loro spalle una sarcastica voce femminile. Odyssea si voltò di scatto, mentre Hannah rimaneva immobile, con le guance paonazze e un fremito nelle dita accucciate in grembo.
Accomodata sulla poltrona proprio dietro la sua c’era Letizia Sweettenam. I folti capelli rosso fiamma le scendevano sulla schiena in onde flessuose, e una mano leggera come un’ala spostava leziosamente una ciocca da destra a sinistra e viceversa. Come Odyssea aveva immaginato, l’uniforme le stava da urlo. Era seduta con le gambe accavallate, le labbra dipinte d’un pastoso amaranto, e si guardava intorno come se il mondo le appartenesse. Non si poteva negare che fosse strepitosa, appariscente come una rosa scarlatta in mezzo a un cespuglio di margherite, e quella consapevolezza gliela fece detestare ancora di più.
«Quando hanno distribuito la bellezza, tu stavi dormendo?» domandò Letizia, fissando Hannah come se fosse uno scarafaggio.
Odyssea avvertì uno spasmo di rabbia che l’attraversava come una scarica elettrica. La frase diretta a Hannah era cattiva, e il fatto che l’avesse pronunciata proprio lei ingigantì il suo risentimento.
«E quando hanno distribuito l’educazione, tu eri a pettinarti?» la provocò di rimando.
Letizia sussultò e strinse le labbra in una smorfia irritata.
«Non darti troppe arie, Odyssea Bennet, che pure tu quanto a bellezza lasci a desiderare. Se Jordy Angel si interessa a te è solo per i tuoi poteri, ma un vero uomo non lo troveresti nemmeno se andassi in giro con una calamita. Forse se mettessi un po’ di carne su quelle quattro ossa, ma così…» si sporse in avanti, con un sorrisetto da rettile, e le sibilò: «Se i ragazzi avessero voglia di accarezzare delle ossa si troverebbero uno scheletro, non pensi?»
Odyssea si girò ancora con impeto.
«E se volessero una più intelligente di te, si troverebbero un capra», aggiunse adirata, sotto gli occhi stupiti di Letizia che non si aspettava di suscitare una simile reazione.
Si rese subito conto che doveva controllarsi, perché correva il serio rischio di scaraventarla contro il lampadario, e ciò non avrebbe deposto a favore della buona impressione che intendeva fare la mattina del suo primo giorno di scuola. Così, si impose di restare ferma e zitta. Si sentiva rimescolata dentro, come se qualcuno l’avesse scrollata con uno shaker.
Bel modo di iniziare, bel modo davvero.
Ebbe l’impressione che alcuni ragazzi la osservassero, e quando udì la pressione delle mani di Hannah sul proprio braccio sobbalzò.
«Grazie…» sussurrò la ragazza rivolgendole uno sguardo riconoscente.
«Quella lì è odiosa», aggiunse Lindia che si era seduta dall’altro lato «Non so cosa ci trovi Jacko in lei. O meglio, lo so. Ma si stancherà quanto prima, l’ha già mollata una volta. Un bel corpo non basta se sei vuota come una zucca marcia.»
La voce del signor Mou rimbombò improvvisamente nella sala e indusse tutti al silenzio. Era in piedi sul palco e indossava un elegante vestito di velluto grigio.
«Egregi insegnanti, carissimi ragazzi… È con gioia e infinita speranza che dichiaro aperto il nuovo anno scolastico della Scuola Superiore di Magia Applicata di Wizzieville. Come tutti voi sapete, l’estate appena trascorsa ha arrecato diversi cambiamenti alle nostre esistenze. Eventi dolorosi e inaspettati ci hanno costretti a riflettere e a riprogrammare parecchie cose. Ma per fortuna adesso quasi tutto si è risolto. Da quest’anno abbiamo una nuova Preside, una persona che mi onoro di conoscere da sempre e che, ne sono certo,  assolverà al compito in modo eccellente. Pertanto ora lascio la parola alla carissima Augusta Corday.»
Un intenso applauso si levò dalla folla. Augusta era serena e sorridente e non sembrava per nulla intimidita. Dopo la morte di Pericle Thomasson e le terribili rivelazioni sul suo conto, il Consiglio le aveva offerto l’incarico e lei aveva accettato senza indugio. In un tailleur di seta verde, i capelli sciolti sulle spalle in morbide ciocche castane striate di bianco, salutò i ragazzi e gli insegnanti e si augurò di essere per tutti un punto di riferimento, invitandoli ad aiutarla e a consigliarla se avesse mancato in qualcosa.
L’intero corpo docente salì sul palco dopo di lei e Odyssea contò ventuno insegnanti. Alcuni di loro pronunciarono qualche parola formale. Quando gli applausi cessarono e il brusio tornò a prevalere, Odyssea capì che l’incontro era finito.
Lindia la prese sotto braccio: «Andiamo a leggere in quale sezione sei capitata. Spero tu sia con i Girasoli, così sarai in classe con noi».
Si avviarono insieme verso l’atrio. Sulla parete di marmo era appeso un rettangolo di legno scuro coperto da una sottile lastra di vetro. Dentro c’erano numerosi elenchi scritti con grafia chiara e rotonda.
Mentre si avvicinava ai tabelloni, Odyssea notò Stylo tra i ragazzi che leggevano con il naso in su.
«Ciao», esclamò stancamente il ragazzino dopo averla riconosciuta. «Ma come ti è venuto in mente di iscriverti?» Uno sbadiglio poderoso gli storse la bocca e le guance. «Sono di nuovo tra i Girasoli, che allegria. Non sopporto più quella professoressa Sailor, credo ce l’abbia con me.»
«Sei con noi!» strillò Lindia, mentre leggeva in un punto della bacheca. «Lo sapevo, ne ero certa! Odyssea è con noi!» ripeté ad alta voce girandosi verso la folla. Vide Rana stringere le labbra e abbozzare un sorriso cordiale come una fucilata, mentre Verella e Hannah batterono le mani con entusiasmo più sincero. Qualche altro studente della stessa sezione si avvicinò per farle le proprie congratulazioni. Odyssea stava per dire qualcosa ma, avendo esaurito la propria eloquenza con il discorsetto animoso fatto a Letizia, si ritrovò zitta e impacciata. A un tratto percepì qualcuno che le posava una mano sulla spalla. Il profumo intenso di Jordy la raggiunse prima ancora della sua voce.
«Oggi sono proprio felice», le confidò, senza aggiungere altro. Sparò lì quel commento, flautato, tenero, sottilmente malizioso. Poi si allontanò insieme ai suoi amici.
«Ma come fai?» Hannah la guardò con ammirazione, come se avesse assistito a un prodigio. «Mamma mia quanto è bello…»
«Smettila di fare la scema», dichiarò Rana, sistemandosi gli occhiali sul naso «Andiamo in classe, abbiamo la prima ora di Difesa contro gli animali pericolosi. Non è il caso di arrivare in ritardo.»
«Per te arrivare in ritardo significa essere lì con mezz’ora di anticipo», la prese in giro Verella.
Mentre si apprestavano a raggiungere l’aula, Odyssea udì la voce di Stylo che continuava a fissare il tabellone. Piangeva, e insieme era infuriato.
«Oh, no! Subito Incantesimi di base! Quella lì mi costringerà ancora una volta a lanciarmi dall’armadio! Come faccio a spiegarle che non ho capito come si fa l’Incantesimo d’Atterraggio Morbido? Io… la odio! Mi sa che mi bocceranno anche quest’anno.» 


Cercate la colonna sonora del romanzo -meglio se è in video da youtube- e condividetela con tutti attraverso questo facile modulo, dove dovrete inserire il vostro nome (quello che usate per seguire il blog) e nel riquadro sotto il link diretto della musica da voi scelta. In automatico, dopo aver confermato con il pulsante ENTER, vedrete comparire linkato appena sopra al form il vostro nome che porterà alla musica che avete postato e tutti potranno andarla a vedere cliccandoci semplicemente sopra. Dopo che avete fatto questo piccolo passaggio, lasciate un commento qua sotto con il titolo della canzone che avete pubblicato. Sarà Amabile stessa a decretare sul suo blog il 16 Settembre quale delle musiche da voi caricate è quella che incarna meglio l'anima di questo secondo romanzo. Il brano scelto diverrà la colonna sonora del book trailer che elaboreranno due accanite lettrici dell'autrice: Angela e Martina. L'utilizzo della musica verrà fatto compatibilmente con le norme che tutelano il diritto d'autore!

Scegliete con cura, mi raccomando e in bocca al lupo!










© 2017 - 2012 Storie di notti senza luna di Eilan Moon.

All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati.
Licenza Creative Commons Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. La distribuzione del materiale presente su questo blog è vietata senza previa autorizzazione dell'autrice. Per questo scopo potete contattarla attraverso il modulo di contatto. Tutte le immagini presenti sul blog sono state reperite nel web e successivamente rielaborate, qualora l'utilizzo delle suddette violasse un qualsiasi copyright siete pregati di farcelo sapere al fine di rimuoverle immediatamente.
Grafica creata da Eilan Moon. Powered by Blogger.