Cari followers Eilan Moon ha deciso di partecipare al contest indetto da Annie e dal suo bel blog! Passate a dare una sbirciatina.. in ...




Cari followers Eilan Moon ha deciso di partecipare al contest indetto da Annie e dal suo bel blog! Passate a dare una sbirciatina.. in palio splendidi libri!

La tana di una booklover: +50 Followers: Festeggiamo con un giveaway: Cari visitatori della tana, come promesso un paio di post fa, avrei festeggiato i +50 followers con una sorpresa. La sorpresa che ho prepar...




TITOLO : CHOSEN AUTORE :  P.C. & KRISTIN CAST EDITORE:   EDITRICE NORD   TRADUZIONE:  VILLA E. PAGINE : 311 PREZZO : 16,50€ SIN...


TITOLO: CHOSEN
AUTOREP.C. & KRISTIN CAST
EDITORE: EDITRICE NORD 
TRADUZIONE: VILLA E.
PAGINE: 311
PREZZO: 16,50€
SINOSSI UFFICIALE:
Mi chiamo Zoey Redbird, ho una mezzaluna blu tatuata sulla fronte – il Marchio che contraddistingue i vampiri – e oggi compio diciassette anni. Ma non sono proprio in vena di festeggiare. Essendo una novizia della Casa della Notte, so benissimo che il corpo può rifiutare la Trasformazione e che quindi tutti noi rischiamo di morire da un momento all'altro. Però non riesco ad accettare che questo destino sia toccato alla mia migliore amica, Stevie Rae. Senza contare, poi, che non è morta davvero. È diventata una creatura strana, costretta a vivere nel sottosuolo insieme con altre… "cose" simili a lei. Nessuno mi toglie dalla testa che Stevie Rae può essere salvata. Il problema è come. Infatti, a ridurla così, è stata nientemeno che la Somma Sacerdotessa, la mia adorata mentore, e questo è un bel guaio, soprattutto perché quella donna legge nel pensiero: se mi confidassi con un insegnante o coi miei amici, lo scoprirebbe subito e di certo farebbe loro del male. A quanto pare, le uniche immuni al suo potere siamo io e Afrodite, la ragazza più spregevole della scuola. Non sopporto l'idea di doverle chiedere aiuto, ma non posso liberare Stevie Rae da sola: quella strega insopportabile è la mia unica speranza….

LA MIA OPINIONE:

La copertina di questo terzo capitolo della saga La Casa della Notte mi ha subito fatta innamorare per l'eleganza e la sensualità dell'immagine. Come per i romanzi precedenti le due autrici sono riuscite a rendere ottimamente i personaggi, i dialoghi e i pensieri adolescenziali tipici dei nostri giorni. In questa nuova avventura la nostra Zoey diventerà più matura e dovrà affrontare anche l'ira di chi le era sempre stato amico. Devo confessarvi che in questo capitolo della saga mi sono innamorata del personaggio di Afrodite, che diventa forse l'unica vera amica per la prescelta della dea e che riesce a comprendere benissimo i sentimenti della nostra eroina. Questa ragazza, inizialmente scontrosa e odiosa, conoscendola meglio diventa chiaro tutto ciò che stava dietro a questo suo essere impertinente e al voler eccellere a tutti i costi. Una volta liberata la sua vera natura non si può far altro che apprezzarla e adorarla così com'è. I colpi di scena non mancheranno in questa lettura anzi posso dirvi che accadranno cose inaspettate e sconvolgenti. Le autrici riescono sempre a stupirci.
L'antagonista di Zoey è più malvagia e perfida in questa nuova avventura e nonostante l'aria intorno a Neferet sia di seduzione e attrazione anche per questo suo lato oscuro, si inizia a disprezzarla sul serio perché diventa finalmente palese che è completamente priva di scrupoli, spietata, crudele e perversa, una donna che usa la sua avvenenza per sfruttare e manipolare tutti gli altri che le ruotano attorno al punto di incarnare quasi il Male. Crollano tutte le speranze che il personaggio possa redimersi in qualche modo.
Zoey affronterà delle scelte importanti -come afferma anche il titolo- alcune più giuste e ponderate di altre, ma dopotutto non dobbiamo dimenticarci che abbiamo davanti a noi una ragazza, poco più che adolescente, e non possiamo pretendere che possa sempre scegliere la strada giusta. Sbaglierà con inconsapevolezza e rimarrà ferita nell'animo. Confidiamo nella sua presenza di spirito e nella sua forza perché si risollevi ancora più determinata e coraggiosa. Preparatevi a odiare l'ex fidanzato Erik. Io non lo sopporto proprio più, lui, le sue gelosie inutili e i suoi assurdi problemi esistenziali.Questo personaggio è la prova che essere belli e affascinanti non significa piacere a tutti i costi al contrario certe doti naturali esteriori possono, qualora interiormente non vi sia nulla, anche irritare ancora di più.
La saga sta diventando sempre più matura e vi coinvolgerà ancor più di prima. Anche questo terzo romanzo ha la mia completa approvazione! Buona lettura.

GIUDIZIO COMPLESSIVO:









Oggi aprendo il mio profilo facebook ho trovato una splendida sorpresa! Ho vinto la copia di "DELIRIUM" messa in pali...








Oggi aprendo il mio profilo facebook ho trovato una splendida sorpresa!
Ho vinto la copia di "DELIRIUM" messa in palio dalla bella Glinda di Atelier dei libri. Non vedo l'ora di leggerlo e poi recensirlo per voi!
Grazie Glinda che dai sempre l'opportunità a tutti i tuoi lettori di vincere grandi premi.
Atelier dei libri: Estrazione giveaway DELIRIUM!: Lettori miei adorati, questo è per me un periodo densissimo di lavoro e avrete notato il mio tragico assenteismo. Mi dispiace, rimedier...


Buon Lunedì miei cari followers della Luna! Oggi vi propongo una iniziativa che nasce dalla versatile Fatina del sito SOFFIO DI MAGIA  ch...


Buon Lunedì miei cari followers della Luna! Oggi vi propongo una iniziativa che nasce dalla versatile Fatina del sito SOFFIO DI MAGIA che dopo aver constatato che il plagio dei siti e dei blog è all'ordine del giorno ha deciso di creare uno sticker studiato per affermare che siamo contrari a questo tipo di creatività rubata. Ognuno di noi mette nel proprio sito un pezzettino della sua anima e sopratutto del suo tempo per creare cose sempre più belle, che possano piacere e che siano divertenti.  Alcuni però non si sforzano di essere sé stessi ma copiano spudoratamente gli altri, prendendo materiale, idee, copiando brani e rubando un poco della nostra anima. Ispirarsi a qualcuno è una cosa giusta, è lecita e può fare piacere, ma quando i siti poi diventano cloni nei loro contenuti è ingiusto. A mio parere basterebbe contattare la persona che ha avuto l'idea o che ha ispirato e chiedere il consenso a usare il materiale, non costa nulla essere educati e fare una richiesta gentile che sono sicura nessuno rifiuterà. 
Sono cose che capitano a tutti i webmaster onesti, quelli che realmente lavorano sodo ai propri spazi, per offrire materiale inedito. Fatina non crea, come altri siti, “liste nere” con i link di questi spazi,  però è anche giusto far sentire la propria voce. NO AL PLAGIO!!  

Se anche tu sei come noi contro il plagio, fai sentire la tua voce! Preleva il suo adesivo QUI! Uniamoci contro questa scorretta pratica che tra le altre cose causa che si leggano, vedano e usino sempre le stesse cose. 

Ecco l’adesivo!






TITOLO :  BETRAYED AUTORE :  P.C. & KRISTIN CAST EDITORE:   EDITRICE NORD   TRADUZIONE:  VILLA E. & SOLCIA V. PAGINE : 366 P...


TITOLOBETRAYED
AUTOREP.C. & KRISTIN CAST
EDITORE: EDITRICE NORD 
TRADUZIONE: VILLA E. & SOLCIA V.
PAGINE: 366
PREZZO: 16,50€
SINOSSI UFFICIALE:
Mi chiamo Zoey, ho sedici anni e mi sto Trasformando. Come tutti i ragazzi che hanno ricevuto il Marchio, una mezzaluna blu tatuata sulla fronte, tra qualche anno diventerò un vampiro. Oppure morirò. Per sempre. Ma al momento ho altro cui pensare. Come nuovo capo delle Figlie Oscure, il club più esclusivo della Casa della Notte, altrimenti nota come Scuola Superiore per Vampiri, ho il mio bel daffare per rendere questa setta di ragazzine spocchiose e arroganti un vero club di cui andare fiera, in cui chiunque possa sentirsi accettata. Perché io so cosa vuol dire essere emarginati. Nella mia vita da umana lo sono sempre stata. E anche qui sono "diversa": il mio Marchio non è come quello degli altri, è simile a quello di un vampiro adulto, e mi conferisce poteri straordinari. Però mi procura anche un sacco di guai. Ultimamente vedo… cose. Strane, orribili creature che camminano come fantasmi sonnambuli vicino alla scuola.
All'inizio, pensavo che fossero il frutto della mia immaginazione, ma poi alcuni adolescenti umani hanno cominciato a sparire. E sono stati ritrovati morti. La gente pensa siano stati i vampiri. Ma io so che non è così. Ci sono loro dietro tutto questo. E io li devo fermare, prima che facciano del male alle persone che amo.

LA MIA OPINIONE:

"Betrayed" è il secondo capitolo della saga YA La Casa della Notte e vi lascerà senza fiato per il susseguirsi dei colpi di scena. Mentre il primo romanzo era incentrato sulla trasformazione della vita della protagonista da ragazza comune con problemi famigliari a essere la prescelta della dea Nyx, questo secondo capitolo realizza bene il suo titolo "TRADITA" perché verranno lentamente svelati segreti terribili e oscuri. Amici che diventano nemici e personaggi che abbiamo odiato nel primo romanzo sveleranno lati della loro personalità che ci sorprenderanno in positivo. La nostra eroina si ritroverà contesa da tre ragazzi: il fidanzato Erik, futuro vampiro, bello e intrigante ma dal carattere discutibile; l'ex ragazzo umano perdutamente ancora innamorato di lei e un nuovo personaggio misterioso e affascinante il professore poeta laureato Loren Blake.
I pilastri su cui Zoey -la nostra protagonista- faceva affidamento vengono pian piano abbattuti e lei si ritroverà completamente sola ad affrontare un male sconosciuto e potente che ben si cela nella scuola per vampiri di Tulsa.
Le autrici mantengono il loro target giovanile nei pensieri e nelle azioni dei personaggi e incarnano molto bene  le contraddizioni tipiche dell'età adolescenziale. I personaggi -sia nuovi che vecchi- sono psicologicamente interessanti e vengono trattati in modo più approfondito rispetto al primo romanzo.
Chi mi segue da un po' sa bene che non amo fare spoiler quindi non posso addentrarmi troppo nelle spiegazioni però ci tengo molto a suggerirvi che le persone e gli avvenimenti di questo bel romanzo non sono assolutamente come appaiono e vi piacerà molto -come è stato per me- immedesimarvi nella protagonista e soffrire nello scoprire cosa si cela nei corridoi della scuola e nei cuori di chi a lei è vicino.
In questa seconda avventura ho rivalutato moltissimo il personaggio di Afrodite che rappresentava l'antagonista di Zoey in "Marked" e devo proprio affermare che in alcuni momenti l'ho apprezzata più della nostra giovane novizia dall'affinità con i quattro elementi. La storia scorre veloce e frizzante, P. C. e Kristin Cast sono riuscite a coinvolgermi nella narrazione e a rendere il tutto piacevole e ricco di avvenimenti senza mai risultare una lettura noiosa o pesante. "Betrayed" è senza ombra di dubbio un romanzo adatto a un pubblico di giovani ma anche di amanti del genere come me. Non resterete delusi e preparatevi a essere traditi.

GIUDIZIO COMPLESSIVO:









TITOLO ITALIANO : MARKED AUTORE :  P.C. & KRISTIN CAST EDITORE:   EDITRICE NORD   TRADUZIONE:  VILLA E. PAGINE : 333 PREZZO : 16...


TITOLO ITALIANO: MARKED
AUTOREP.C. & KRISTIN CAST
EDITORE: EDITRICE NORD 
TRADUZIONE: VILLA E.
PAGINE: 333
PREZZO: 16,50€
SINOSSI UFFICIALE:
Mi chiamo Zoey, ho sedici anni, una madre apprensiva, un patrigno scostante e una sorella maggiore tutta perfettina. E per lungo tempo sono stata convinta che questi fossero i miei problemi. Mi sbagliavo. Perché un giorno ho ricevuto il Marchio: una mezzaluna blu tatuata sulla fronte. E tutto è cambiato. Dovete sapere che il Marchio è la prima tappa per diventare un vampiro. La successiva è entrare nella Casa della Notte, una scuola dove s’impara a controllare i propri poteri e ad affrontare la delicatissima fase della Trasformazione. Cosa succede, allora? Alternativa uno: mi trasformo in vampiro, cioè divento più che umana; più forte, più intelligente, più dotata. Alternativa due: il mio corpo rifiuta la Trasformazione e io muoio. Per sempre. Ma neppure questo è il mio problema più grosso. Oh, no. Il fatto è che il mio Marchio è diverso da quello degli altri, è il segno di capacità incredibili per una ragazza della mia età, e ciò non aiuta a farmi nuovi amici. Senza contare che Afrodite, la presidentessa delle Figlie Oscure, il club più esclusivo della scuola, non ha preso molto bene la mia «superiorità». Insomma mi odia. Talvolta vorrei tornare indietro, ma non posso. Anche perché qui, nella Casa della Notte, sta succedendo qualcosa di profondamente sbagliato e pericoloso. E io sono l’unica che possa fermarlo.

LA MIA OPINIONE:

Primo romanzo della saga La Casa della Notte, "Marked" è una storia adolescenziale e sicuramente dal target giovanile che però è piaciuta anche a me nonostante non sia più una ragazzina. In questo romanzo la protagonista è Zoey, una ragazza la cui vita cambia radicalmente dopo aver ricevuto il marchio di appartenenza alla razza dei vampiri. Non è la solita storia di amore e sangue che accomuna il genere, ci sono diverse novità ad esempio le autrici hanno deciso di miscelare bene il tema vampiro con le tradizioni degli indiani d'America e del paganesimo, i vampiri di questo romanzo non devono essere morsi per trasformarsi ma vengono marchiati e lentamente subiscono la trasformazione anche se alcuni di loro non riescono a superarla e sono destinati a morire, queste creature della notte sono riconoscibili grazie a tatuaggi magici sulla loro pelle ma elemento innovativo che mi è particolarmente piaciuto è quello rappresentato dagli incantesimi pronunciati nei rituali delle Figlie e Figli Oscuri perché sono ben curati e realistici tanto che mi è sembrato di entrare in un luogo magico come Avalon e le sue mistiche nebbie. I personaggi sono tutti molto credibili e non è difficile affezionarsi a loro, alla loro voglia di vivere tipica degli adolescenti, agli amori corrisposti e non, alle rivalità e al coraggio con il quale affrontano le nuove sfide e le nuove responsabilità. Tutti gli avvenimenti si svolgono in una scuola speciale per giovani vampiri gestita dalla bellissima e particolarmente premurosa Neferet. La vita alla scuola però non sarà tutta rose e fiori. Qualcosa di malefico e oscuro si annida per i corridoi e Zoey è la prescelta per porre fine, oppure semplicemente per svelare, cosa si cela all'ombra della luce nella quale viene accolta la nostra eroina.
I dialoghi sono fantastici perché esprimono al cento per cento le menti caotiche dei ragazzi di oggi. La protagonista creerà attorno a sé una sua speciale Scooby Gang che la aiuterà ad affrontare le imprese che la attendono. Le autrici creano uno spazio magico e mistico intorno alle vicende di questa giovane eroina dalle origini cherokee e prediletta della dea Nyx con una tale semplicità di scrittura che le pagine del romanzo volano via leggere e lasciando il lettore quasi deluso di aver già terminato la prima avventura della novizia più dotata della storia di Tulsa e del mondo fantasy ideato da P. C. e Kristin Cast. I colpi di scena saranno numerosi e vi terranno sul filo del rasoio per tutta la durata della lettura, le domande e i misteri non verranno svelati ora quindi preparatevi a rimanere sulle spine. Consiglio il romanzo sopratutto alle lettrici e ai lettori giovanissimi -l'ho prestato a mia nipote di quindici anni e ne è stata entusiasta- ma anche semplicemente agli amanti dei vampiri e delle storie velate di misticismo e mitologia che non disdegnano un ambiente tutto under venti.

GIUDIZIO COMPLESSIVO:









Buon sabato miei cari followers! Voglio partecipare alla divertente iniziativa di City of Angels e del suo blog IL MIO MONDO NERO SU BIANC...


Buon sabato miei cari followers! Voglio partecipare alla divertente iniziativa di City of Angels e del suo blog IL MIO MONDO NERO SU BIANCO 
Si tratta di un giochino tag molto famoso e carino che consiste nel far delle domande specifiche e rispondere con il titolo di un libro
Spero tanto che anche voi che mi seguite abbiate voglia di divertirvi con questo giochetto. Se non avete un blog potreste farlo comunque su facebook.
Inizio:


SEI MASCHIO O FEMMINA?





Divisori by Follettarosa


DESCRIVITI




Divisori by Follettarosa


 COSA PROVANO LE PERSONE QUANDO STANNO CON TE





Divisori by Follettarosa


DESCRIVI LA TUA RELAZIONE PRECEDENTE





Divisori by Follettarosa


 DESCRIVI LA TUA RELAZIONE ATTUALE





Divisori by Follettarosa


DOVE VORRESTI ESSERE?





Divisori by Follettarosa


 COME TI SENTI NEI RIGUARDI DELL'AMORE?





Divisori by Follettarosa


COME DESCRIVERESTI LA TUA VITA?





Divisori by Follettarosa


COSA CHIEDERESTI SE AVESSI A DISPOSIZIONE UN SOLO DESIDERIO?



Divisori by Follettarosa


 PROVA A DIRE QUALCOSA DI SAGGIO





Divisori by Follettarosa


 UNA MUSICA





Divisori by Follettarosa


CHI O COSA TEMI?




Divisori by Follettarosa


UN RIMPIANTO





Divisori by Follettarosa


DA EVITARE ACCURATAMENTE




Divisori by Follettarosa


UN CONSIGLIO PER CHI  HA MENO ANNI DI TE








Spero vi siate divertiti e fatemi sapere se decidete di partecipare anche voi! Buon proseguimento nelle vostre letture!



TITOLO : LUNA AUTORE :  FRANCESCA VERGINELLA EDITORE:   SMASHWORDS PAGINE : 340 PREZZO : 4,67 € SINOSSI UFFICIALE : Luna nacque in...


TITOLO: LUNA
AUTOREFRANCESCA VERGINELLA
EDITORE: SMASHWORDS
PAGINE: 340
PREZZO: 4,67 €
SINOSSI UFFICIALE:
Luna nacque in una notte molto particolare, una notte importante. Importante per tutte le Famiglie, per tutti i Mondi. Non era infatti solo la vigilia del giorno in cui suo padre Ledon, generale dell’esercito di Deos, avrebbe condotto le truppe riunite di tutte le razza libere alla battaglia decisiva contro Cron: le stelle indicavano che quella notte sarebbe nata la prescelta.
Di tutto ciò però Narciso non conservava alcun ricordo conscio. La sua vita, la sua famiglia, il suo lavoro non avevano assolutamente nulla al di fuori dall'ordinario. Gli unici momenti fuori dagli schemi erano quelli passati con Ares, un amico che si dilettava a dipingere paesaggi fantastici, ma incredibilmente vicini a quelli che lei spesso vedeva nei suoi sogni. Fu in maniera brusca quanto improvvisa che un uomo, incontrato apparentemente per caso, le disse che l’ora era giunta, che doveva tornare, ricordare, abbandonare tutto, uccidere Narciso e far risorgere Luna.
Le parole dell’uomo, lacerandola dentro, riuscirono alla fine a convincerla a tornare a Solamia, il continente su cui era nata in un altro tempo, in un altro mondo.
Il ritorno non fu però affatto piacevole: la grande Deos, di cui le aveva parlato l’uomo, era in rovine, così come il resto di quella terra, caduta sotto il giogo di Cron. Cominciò a questo punto per Luna un difficile percorso alla riscoperta di sé stessa, dei suoi poteri e della sua coscienza.
Ad aiutarla in questa impresa ci sarà Arat, un giovane guerriero conosciuto tra i sopravvissuti alla guerra, ed un gruppo di “eroi” ed “antieroi” che si unirono a loro strada facendo.

LA MIA OPINIONE:

Questo romanzo è un piccolo gioiello dell'autopubblicazione italiana. Ho trovato quest'opera davvero molto avvincente e ben scritta, l'autrice crea un vero e proprio mondo fantastico in ogni senso, palcoscenico delle avventure della giovane Narciso/Luna. Questa è una storia che ho trovato commovente, intelligente e anche affascinante. L'unico ostacolo che ho incontrato è stata l'eccessiva presenza di descrizioni e particolari che rendono la lettura in alcuni punti un poco prolissa e lenta ma un bel fantasy lo è comunque anche se a volte diventa in alcuni passi pesantuccio. Purtroppo sono presenti dei refusi che sono possono capitare agli scrittori che hanno scelto l'autopubblicazione.
La dualità della protagonista che nasce Luna, diventa Narciso e resuscita come Luna mi è piaciuta molto, come anche Narciso che cresce psicologicamente e si trasforma da ragazza del tutto comune dell'inizio a una giovane donna matura e intelligente, una vera eroina della situazione. Devo ammettere che alcune parti della trama sono un po' stereotipate e anche già lette ma nonostante questo l'intreccio e la caratterizzazione dei personaggi riempie le penalità e fa di questo romanzo una piacevole lettura per tutti gli amanti del genere. Francesca Verginella scrive indubbiamente bene e nelle parole sembra quasi di trovare una matrice poetica e di immensa eleganza che mi ha molto colpita. Consiglio vivamente la lettura a tutti, anche a chi non è un cultore del genere, perché ne vale davvero la pena e rimarrete incantati dal magico mondo di Solamia. Non richiede nessuna competenza  letteraria,  storica o del genere Fantasy perché l'autrice ci spiega con chiarezza tutto sin dal prologo. Ci saranno svariati colpi di scena sino al più eclatante al termine del libro.
Complimenti a Francesca Verginella per il suo metodo di scrittura che mi ha lasciata senza parole.

GIUDIZIO COMPLESSIVO:









TITOLO ITALIANO : UNO SPLENDIDO DISASTRO AUTORE :   JAMIE MCGUIRE EDITORE:   GARZANTI   TRADUZIONE: ADRIA TISSONI PAGINE : 336 PREZ...


TITOLO ITALIANO: UNO SPLENDIDO DISASTRO
AUTORE: JAMIE MCGUIRE
EDITORE: GARZANTI 
TRADUZIONE: ADRIA TISSONI
PAGINE: 336
PREZZO: 16,40€
SINOSSI UFFICIALE:

Ho chiuso il mio cuore in un segreto.
Tu sei il ragazzo sbagliato.
Ma solo tu hai la chiave. 

Camicetta immacolata, coda di cavallo, gonna al ginocchio. Abby Abernathy sembra la classica ragazza perbene, timida e studiosa. Ma in realtà Abby è una ragazza in fuga. In fuga dal suo passato, dalla sua famiglia, da un padre in cui ha smesso di credere. E ora che è arrivata alla Eastern University insieme alla sua migliore amica per il primo anno di università, ha tutta l'intenzione di dimenticare la sua vecchia vita e ricominciare da capo. 
Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una ragazza diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Dietro di sé ha una scia di adoratrici disposte a tutto per un suo bacio.
C'è una definizione per quelli come lui: Travis è il ragazzo sbagliato per eccellenza. 
Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano quelli profondi di lui e sente uno strano nodo allo stomaco: Travis rappresenta tutto ciò da cui ha solennemente giurato di stare lontana. Eppure Abby è assolutamente determinata a non farsi affascinare. Lei no, non ci cadrà come tutte, lei sa quello che deve fare, quel ragazzo porta solo guai. Ma quando, a causa di una scommessa fatta per gioco, i due si ritrovano a dover condividere lo stesso tetto per trenta giorni, Travis dimostra un'inaspettata mistura di dolcezza e passionalità. Solo lui è in grado di leggere fino in fondo all'anima tormentata di Abby e capire cosa si nasconde dietro i suoi silenzi e le sue improvvise malinconie. Solo lui è in grado di dare una casa al cuore sempre in fuga della ragazza. Ma Abby ha troppa paura di affidargli la chiave per il suo ultimo e più profondo segreto…


LA MIA OPINIONE:

Questo romanzo mi mette in seria difficoltà di giudizio. Mi è piaciuto? Molto. Non mi è piaciuto? Molto.
Ebbene sì, non sono in grado di scrivere in queste righe se questa storia è stata davvero di mio gradimento o meno. La lettura mi ha molto coinvolta e Jamie McGuire scrive indubbiamente bene, caratterizza i suoi personaggi in modo sublime senza appesantire la storia in inutili descrizione noiose. Di questo suo romanzo d'esordio si può parlare per ore e scrivere pagine intere ma di certo non si può definirlo noioso. Premetto che la pura e semplice storia d'amore solitamente non è il mio genere e non lo leggo, anzi non lo prendo nemmeno in considerazione, ma questo libro mi ha incuriosita perché il novanta percento delle opinioni dei lettori erano molto positive e il restante dieci invece erano molto negative. Ho compreso subito che è uno di quei lavori che o lo ami o lo odi; niente mezze misure con Pigeon e Travis -i due protagonisti-.
La storia è narrata in prima persona dal punto di vista della giovanissima Abby -Pigeon è il nomignolo con cui la chiamerà sempre Travis- che è solo all'apparenza una studentessa delle più normali, in realtà nasconde un passato triste e torbido e vive nascondendosi per la paura nei confronti dell'amore e in generale dei rapporti con gli altri. Soltanto la sua migliore amica America, che con lei ha condiviso il dolore causatole dal padre, può davvero comprenderla e sostenerla nelle difficoltà che incontra dopo aver conosciuto il ribelle Travis. Questo ragazzo è l'incarnazione di ciò di cui la protagonista non ha bisogno, rappresenta tutte le sue paure, tutte le sue ossessioni e forse proprio per questo lei ne è così attratta. Tutti i personaggi del romanzo sono molto intensi, vivono di forti emozioni e le trasmettono al lettore senza mezzi termini.
Stranamente non sono riuscita a legarmi alla protagonista nonostante sia lei a narrare la vicenda, in realtà mi sono immedesimata molto di più nel personaggio travagliato del povero Travis, nel suo amore possessivo e a dir poco folle per l'indecisa Pigeon, nella sua sofferenza silenziosa e al tempo stesso devastante, nella sua violenza, nella sua forza ma sopratutto nella sua profonda debolezza che nasconde nei lati più oscuri della propria anima e che solo la sua Pigeon riuscirà a svelare e a toccare per poi portarli alla luce e definitivamente conviverci. Questo romanzo è una bella e intesa storia d'amore tra due adolescenti; un amore indubbiamente malato e disastroso ma potente e così folle da non poter essere ignorato e a cui non si può non cedere prima della fine della lettura. Il personaggio di Pigeon è per me stato davvero duro da digerire, l'ho odiata per quasi tutto il romanzo e a causa sua avrei letteralmente gettato il libro dalla finestra, c'è stato un attimo intorno alla pagina centotrenta in cui ho preso con forza il tomo e l'ho scaraventato con odio sul tavolo. L'autrice è stata davvero bravissima nel far amare un personaggio come Travis, il bad boy per eccellenza, e far odiare invece Abby, la brava ragazza tutta buone maniere e piena di ottime intenzioni. In realtà poi le cose non sono così come appaiono inizialmente e i personaggi si svilupperanno in un modo a dir poco inaspettato, ma il tira e molla che la giovane protagonista sperimenta sul malcapitato Travis mi ha a dir poco irritata. Travis non è un santo, anzi l'opposto, ma chi si trova a leggere il romanzo è costretto a simpatizzare per questo ragazzo che ama in modo possessivo e violento ma le cui azioni sono sempre la naturale conseguenza degli atteggiamenti a volte assurdi e apparentemente incomprensibili della sua partner. Non sono riuscita a odiare Travis nemmeno quando si è portato a casa due donne e ha fatto sesso con loro contemporaneamente. Questo la dice lunga sul coinvolgimento emotivo nei confronti di Travis che mi ha, nemmeno tanto lentamente, conquistato il cuore durante la lettura.
Il messaggio che l'autrice consegna attraverso le pagine del suo romanzo è comunque -nonostante il sentimento che legherà i protagonisti sia malato, al limite della follia e delle psicosi- positivo. Jamie McGuire sembra voler suggerire che l'amore supera ogni limite del buon senso legando in modo indissolubile due anime, anche se le stesse sono tendenti all'autodistruzione e che soltanto insieme riescono, tra un pugno e un bacio, a sopravvivere. Non è un romanzo pesante da leggere ma lo sconsiglio a chi -come me- non ama particolarmente i romanzi rosa e preferisce che la storia d'amore sia parte di un contesto più ampio e di azioni che coinvolgano anche altri aspetti oltre a quello prettamente sentimentale. Le ambientazioni non sono particolarmente importanti in questo romanzo e infatti l'autrice non le tratta in modo approfondito ma non se ne sente la mancanza. Ciò che mi ha colpito positivamente sono senza ombra di dubbio le frasi meravigliose che Travis dice alla sua amata e la forza e il coraggio grazie ai quali difende la sua dolce Pigeon da tutto e da tutti tranne che da se stesso. Quale donna non vorrebbe un uomo pronto a far a pugni per difenderla? Quale donna non vorrebbe sentirsi dire frasi intense come quelle che pronuncia Travis? Penso che sia naturale che la lettrice si innamori di un giovane sbandato dal cuore d'oro come il protagonista di "Uno splendido disastro".
Consiglio questo romanzo agli amanti del genere che non rimarranno sicuramente delusi da questa disastrosa quanto passionale storia d'amore. Ho deciso di dare al romanzo -nonostante la mia indecisione- quattro stelline perché è vero che è una delle poche letture che mi ha innervosita -per non usare un altro termine- ma ammetto che mi ha anche scatenato una serie di sentimenti positivi e negativi che non posso fingere di non aver provato. In sostanza è un libro da leggere, un romanzo da amare e da odiare, ma sicuramente non da lasciare a far polvere sul comodino.


GIUDIZIO COMPLESSIVO:









La letteratura Horror è un sottogenere della letteratura fantastica ma rispetto ad essa si differenzia perché è finalizzata unicam...






La letteratura Horror è un sottogenere della letteratura fantastica ma rispetto ad essa si differenzia perché è finalizzata unicamente a provocare orrore e paura nel lettore. La paura è un'intensa emozione che deriva dalla percezione di un pericolo reale o presunto. Può essere paragonato a un campanello d'allarme che suona ogni volta che ci troviamo in una situazione rischiosa. Tutti gli esseri umani e molte specie animali provano questo tipo di emozione istintiva che consente loro di ricercare una possibile soluzione per il superamento di un pericolo. Ogni età ha le sue paure ed esse cambiano con il trascorrere degli anni, spesso i bambini temono il buio e i mostri perché non sono ancora ben in grado di comprendere la differenza tra realtà e fantasia; gli adulti sono preoccupati dai rischi reali che affrontano ogni giorno, per esempio i ladri, la morte e le malattie.
Alcune espressioni che utilizziamo quando parliamo della paura ci fanno capire che può essere suddivisa in tanti tipi: paura di crescere, paura di amare, paura di noi stessi, paura del nulla oppure paura per quel che ci riserva il futuro. A preoccuparci di più sono solitamente le cose delle quali sappiamo meno e che spesso non abbiamo mai provato, a volte veniamo persino contagiati dai timori degli altri come per quanto riguarda la xenofobia, senza capire che si tratta di paure infondate. La maggior parte delle storie Horror, anche le più fantasiose, si basano sulle paure comuni che tutti noi lettori proviamo nel corso della nostra vita. L'insegnamento più importante che da esse possiamo trarre è che non dobbiamo aver paura della paura.
I film e i romanzi dell'orrore, le montagne russe, e le case delle streghe nei luna park attraggono molto le persone che vogliono vivere delle paure sicure. Infatti quando guardiamo un film o leggiamo un libro, pur immedesimandoci nei personaggi e partecipando alle loro disavventure, ci consideriamo fortunati perché quei fatti terribili non stanno accadendo a noi. In un certo qual modo anche sulle montagne russe siamo degli spettatori perché una volta saliti non abbiamo più il controllo della situazione e non possiamo fare assolutamente nulla se non abbandonarci allo spettacolo ben sapendo che si tratta di un gioco sicuro che ci fa provare solo in parte la sensazione di cadere nel vuoto. Quella che viviamo è una paura controllata ma è comunque un'esperienza importante perché ci consente di mettere alla prova i nostri limiti e di vincere i nostri timori.
Le storie di paura da sempre affascinano gli esseri umani. Quando ancora non esisteva la televisione i contadini si ritrovavano nelle stalle o in una stanza vicino al camino e trascorrevano il tempo raccontandosi varie storie. Tra i racconti più ricorrenti c'erano proprio quelli in grado di suscitare forti emozioni e terrore. Spesso c'era proprio un narratore specializzato in questo tipo di storie che attraverso la modulazione della voce e la gestualità del corpo riusciva a coinvolgere emotivamente gli ascoltatori.

La letteratura Horror affonda le sue radici nella narrativa del XVIII secolo. In tale periodo infatti in Inghilterra si sviluppa una intensa nostalgia per il Medioevo e alcuni scrittori ambientano delitti, rapimenti e apparizioni misteriose in vecchi castelli, manieri diroccati, monasteri e boschi impenetrabili. Comunemente l'iniziatore del genere è considerato Horace Walpole che con il romanzo "Il castello di Otranto" presenta eventi soprannaturali e apparizioni inspiegabili. In Italia, e più precisamente in un monastero, è ambientato anche "Il monaco"di Matthew Gregory Lewis, in cui un religioso perde la capacità di distinguere il Bene dal Male. 
Nel Romanticismo e nel corso dell'ottocento, quando in opposizione alla ragione e alle certezze dell'Illuminismo subentra un forte interesse per il soprannaturale e il demoniaco, il genere si sviluppa ampiamente. Con il romanzo "Frankenstein" la scrittrice Mary Shelley affronta il tema dei mostri prodotti dalla scienza e miscela bene il genere Horror con il genere Gotico -di cui parleremo in un altro post- mentre "Racconti del grottesco e dell'arabesco" di Edgar Allan Poe tratta del soprannaturale e dell'orrore interiore. Molti noti scrittori come Ernst Theodor Hoffmann o Rudyard Kipling descrivono in racconti situazioni che provocano orrore e paura nel lettore. Nel corso del Novecento il genere conquista il vasto pubblico facendo leva su emozioni forti e importanti derivanti dalla paura. Con il trascorrere degli anni a questo successo contribuisce anche il cinema che fin dagli anni Trenta porta sul grande schermo i protagonisti di celebri romanzi Horror come per esempio il mostro del dottor Frankenstein, Dracula, il dottor Jekyll e Mister Hyde, e ne costruisce di nuovi -anche più terrificanti- fornendo importanti spunti agli scrittori contemporanei. Ancora oggi il legame tra letteratura e cinema è molto stretto perché i libri più letti del genere Horror vengono sempre più spesso trasformati in film. 
Il caso più significativo è rappresentato dai romanzi e dai racconti di Stephen King, indiscusso maestro del genere da cui sono stati tratti innumerevoli sceneggiature e soggetti per pellicole cinematografiche di grandissimo successo.

L'horror presenta una struttura fissa basata su tre sequenze principali:
-situazione iniziale: spesso si parte da una situazione di normalità in cui vengono forniti tutti gli elementi per far entrare il lettore nella vicenda.
- rottura dell'equilibrio: la tranquillità iniziale viene interrotta da un evento soprannaturale, da una presenza diabolica o spiritica che si manifesta in tutta la propria forza.
-conclusione: il genere Horror può prevedere un finale positivo in cui il protagonista dopo varie peripezie riesce ad annientare o rendere inoffensivo l'antagonista, oppure un finale negativo nel quale le forze del male riescono a sopraffare i deboli e il Male schiaccia il Bene senza mezze misure.
Il protagonista è spesso una persona comune che si trova a dover fronteggiare un antagonista dotato di grandi poteri. A differenza di altri generi letterari, come per esempio il fantasy, a volte il protagonista non riesce a portare a compimento la proprio impresa. L'antagonista è una creatura soprannaturale, per esempio un mostro, un vampiro, uno zombie, un fantasma, un demone o un animale misterioso che aggredisce e spaventa gli esseri più deboli. Chi sarebbe San Giorgio senza il drago? Un cavaliere come tanti; e l'astuzia di Ulisse senza Polifemo? Sarebbe inutile. Da quando esiste l'uomo, non c'è eroe senza mostro, dai bestiari di mille anni fa fino agli extraterrestri della fantascienza. Non è solo un'antagonista repellente, ma anche una figura ambigua a metà tra attrazione inspiegabile e repulsione, tra il sublime e l'orrore. Ma i mostri servono anche a spiegare l'inspiegabile, come per esempio Scilla e Cariddi, mostri marini tanto temuti dagli antichi che in realtà non sono altro che le correnti marine dello stretto di Messina. 
L'aiutante del protagonista, personaggio anch'esso importante, solitamente è una persona che per le proprie conoscenze scientifiche o per le proprie capacità medianiche riesce a capire le cause che spingono le creature soprannaturali ad agire in un determinato modo e a fornire al protagonista utili consigli su come sconfiggere il Male.
Non dimentichiamo poi le vittime che sono spesso creature indifese come bambini, animali o giovani donne incapaci di opporre resistenza, che non hanno particolari colpe. La casualità con cui vengono individuate serve a generare paura nel lettore e a fargli capire che nessuno è al sicuro.
Nel genere Horror è quasi fondamentale l'ambientazione adatta che diventi l'ottimo sfondo alle vicende. I luoghi preferiti dagli autori di questo genere sono i castelli, i conventi medievali, i vecchi cimiteri, abitazioni isolate, le foreste, ma ultimamente nei romanzi e nei racconti contemporanei vengono utilizzati anche spazi quotidiani come appartamenti, metropolitane, teatri o semplici strade buie e poco trafficate. L'oscurità spesso domina gran parte della trama mentre la luce ne caratterizza solo l'inizio e la fine. Anche gli agenti atmosferici sono estremi nel genere Horror, la nebbia fitta e impenetrabile che riduce la visibilità, le forti nevicate che interrompono ogni possibilità di comunicazione con il resto della civiltà o potenti e distruttivi temporali che non lasciano via di fuga alle vittime. Nella letteratura Horror gli eventi soprannaturali sono spesso inspiegabili per quasi tutto il romanzo e compaiono come strane apparizioni, incantesimi, morti improvvise e fenomeni naturali irrazionali sino al compimento dell'ultima battaglia tra il protagonista e il suo opposto dove tutto si dipana e diventa chiaro.
Viene utilizzata ampiamente la suspense tenendo il lettore in uno stato di continua ansia e paura grazie ai colpi di scena e ai fatti orribili che si susseguono senza lasciare un attimo di respiro. Rispetto al genere Giallo l'immedesimazione con il protagonista è sicuramente maggiore perché attraverso di lui il lettore rivive e affronta le proprie paure. Non dimentichiamoci poi che nel genere Horror la descrizione dei rumori e dei suoni ha notevole importanza perché attraverso di essi il lettore riesce a percepire la presenza del Male e dell'antagonista ancor prima che si manifesti agli occhi del protagonista in modo palese.


Divisori by Follettarosa


Vediamo ora insieme qualche classico del genere Horror:



Robert Louis Stevenson scrive "Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde" nel 1886 in cui il tema principale è l'eccessivo autocontrollo che abbiamo su noi stessi che però non riesce comunque a dominare la parte più istintiva del nostro essere uomo. Brutale e affascinante: è questa l’altra metà di noi, in un gioco di doppi e di specchi che toccano le corde più sensibili dell’animo umano e in cui è chiaro che in ciascuno di noi alberga il Bene come dimora il Male. Henry Jekyll è uno scienziato che riesce a metter appunto una pozione per separare la natura buona dell'animo umano da quella malvagia. Sperimenta su di sé la sua scoperta bevendo lo strano composto chimico e trasformandosi nel signor Hyde, un uomo brutto e malvagio, profondamente diverso del gentile ed educato dottor Jekyll. Con il passare del tempo l'antidoto che consente allo scienziato di riprendere le proprie sembianze è sempre meno efficace: Hyde prende il sopravvento su Jekyll e commette parecchi atti violenti. Alla fine lo scienziato in una lettera confessa tutto all'avvocato Utterson e poi si toglie la vita.


Divisori by Follettarosa



Chi non conosce questo splendido romanzo a metà tra l'Horror e il Gotico? Bram Stoker scrive un capolavoro incentrato sull'amore malefico e sul possesso, una storia di sangue, omicidi e dipendenza che attraversa i secoli e rimane immortale nella memoria dell'uomo contemporaneo.
Il giovane avvocato Jonathan Harker viene inviato in Transilvania per concludere un affare con il Conte Dracula che ha deciso di acquistare una residenza per trasferirsi a Londra. Giunto a destinazione il giovane conosce l'anziano signore ma dopo pochi giorni scopre che per sopravvivere in eterno il Conte si nutre di sangue umano. Dopo essere riuscito a fuggire -non con poca difficoltà- Jonathan torna in Inghilterra e scopre che Lucy, una cara amica della sua bella fidanzata Mina, sta male. Compresa la gravità della situazione, il dottor Seward manda a chiamare ad Amsterdam il dottor Abraham Van Helsing. Le trasfusioni di sangue fanno migliorare le condizioni di salute della giovane Lucy ma Dracula la uccide e la trasforma definitivamente in un vampiro. Il Conte svela le sue intenzioni e il gruppo ormai capitanato da Van Helsing comprende che Dracula vuole Mina per farne la propria sposa e sta cercando di asservirla a lui. Per proteggerla il gruppo si avvale delle sue conoscenze in questo campo e segue Van Helsing nella lotta contro il vampiro utilizzando ostie consacrate, sterilizzando i nascondigli londinesi del malvagio Conte e costringendolo a fuggire da Londra. La scena si sposta in Transilvania dove, a seguito di un avvincente scontro, riescono a sconfiggere definitivamente Dracula.


Divisori by Follettarosa

Bene, dopo aver analizzato insieme il genere Horror vi chiedo di pensare bene a ciò che avete letto e di decidere quale romanzo tra quelli che avete letto nel corso della vostra vita di lettori sia quello che a vostro parere incarna meglio il genere. Può trattarsi di un Horror classico come i due accennati sopra oppure qualcosa di più moderno. Altro punto sul quale desidero discutere con voi sono le note positive che spingono a leggere il genere e quelle negative invece che possono allontanare dalla lettura. Non c'è una risposta giusta e una sbagliata! Non giudicate ciò che gli altri commenteranno! Cerchiamo di creare una discussione coerente con l'argomento ma sopratutto costruttiva per aiutarci tutti a meglio comprendere queste letture e per trascorrere insieme piacevolmente del tempo utile ed educativo.


Inizierò io e poi attendo i vostri commenti.

Eilan Moon:

Il romanzo da me scelto per questo genere è "IT" di Stephen King. Forse perché lo lessi da ragazza oppure perché è stato in assoluto il primo Horror che mi è capitato tra le mani ma è ancora l'unico romanzo che mi ha fatto tremare!
Dopo aver terminato la lettura per intere settimane ho avuto orrore dei tombini per le strade e li guardavo con sospetto e paura; per giorni ho temuto di lavarmi nel lavandino... Nessun romanzo mi ha mai fatto questo effetto e dopo aver visto la miniserie tratta dalla storia di King la mia paura aumentò. Avevo soltanto undici anni ma vi posso assicurare che "IT" è per me il romanzo Horror per eccellenza anche ora che ne ho trentadue.
I punti che ritengo molti forti del genere e che spingono i lettori all'acquisto di questo tipo di romanzo è uno solo -secondo me- e si tratta dell'esorcizzare le proprie paure. Affrontarle in questo modo non rischioso aiuta a superarle e a renderle meno reali.
I punti a sfavore credo in verità siano molti. L'horror a volte cade nello splatter e questo ai lettori deboli di stomaco può allontanare il desiderio di proseguire nella lettura, c'è poi il lato psicologico intenso e particolarmente presente in questo genere di letteratura che, in chi è particolarmente  impressionabile e suscettibile, può trasformarsi in un lato fastidioso della lettura e causarne anche l'interruzione. L'eccessivo coinvolgimento che prova chi ha per le mani un libro di questo genere -intendo un libro horror che sia davvero degno di questo nome- allontana il lettore che non ama questo tipo di forte legame che naturalmente si instaura con le righe di un testo horror, anche se è poi al contrario un punto a favore per chi invece ama questo tipo di coinvolgimento. Chi legge romanzi prima di coricarsi e di dormire non sceglierà volentieri un horror ma sarà più propenso a leggere qualcosa di più leggero. Gli amanti del genere come me invece non troveranno particolare difficoltà ad addormentarsi dopo un romanzo di questo tipo.

I VOSTRI PARERI commentate qui sotto.




© 2016 - 2012 Storie di notti senza luna di Eilan Moon.

All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati.
Licenza Creative Commons Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. La distribuzione del materiale presente su questo blog è vietata senza previa autorizzazione dell'autrice. Per questo scopo potete contattarla attraverso il modulo di contatto. Tutte le immagini presenti sul blog sono state reperite nel web e successivamente rielaborate, qualora l'utilizzo delle suddette violasse un qualsiasi copyright siete pregati di farcelo sapere al fine di rimuoverle immediatamente.
Grafica creata da Eilan Moon. Powered by Blogger.