Cè un luogo magico che ognuno conserva dentro, un posto speciale dove alberga la fantasia, dove ogni cosa è possibile, basta so...

I SOGNI DIVENTANO REALI -GLINDA IZABEL-






Cè un luogo magico che ognuno conserva dentro, un posto speciale dove alberga la fantasia, dove ogni cosa è possibile, basta solo attraversare quel varco col cuore puro di un bambino... per entrare nel magico mondo dei sogni da favola. Ognuno di noi racchiude in sé il potere di cambiare il mondo, ognuno di noi impegnandosi a essere migliore ha già fatto un enorme passo verso la realizzazione del proprio sogno -qualunque esso sia-. La realtà può cambiare a partire dai singoli individui. Amate la cultura, amate gli ideali e metteteli in atto. Non credete a coloro che vi dicono che non riuscirete mai a realizzare i vostri sogni, a quelli che vi dicono che voi non valete abbastanza per creare, dal poco che vi è stato dato, grandi opere, perché lo fanno solo per scoraggiarvi, lo fanno solo per farvi fallire dove loro stessi hanno fallito.
Credete in voi stessi e ora vi dimostrerò che i sogni diventano realtà. Non per tutti, non sempre, ma si può. E già saper di potere deve spingervi a provare. Questa è una favola diventata realtà, questa è la storia di Glinda Izabel e del suo sogno.

Glinda è diventata famosa con il suo blog ATELIER DEI LIBRI e sono convinta che tutti voi, miei cari lettori, sappiate già molto bene chi è. Per quei pochi -se ce ne sono- che non sanno chi sia... bé, vi dico di correre a casa sua, sulle pagine virtuali del blog, e leggere le sue recensioni, le anteprime oppure crogiolarvi nelle sue originali rubriche. Questo per quanto riguarda il suo lavoro di blogger, ma Glinda non è solo questo. Lei è una giovane donna con tanti sogni e uno di questi, forse il più importante, è:

SHADES OF LIFE

Qualcosa di unico si nasconde oltre la suggestiva facciata vittoriana dell'incantevole Savannah, Georgia. Dietro gli eleganti cancelli delle case d'epoca e tra le fronde delle querce secolari c'è un mondo spettrale fatto di ombre e sussurri in cui la morte non rappresenta la fine di tutto. Questo Juniper Lee lo sa bene, perché è di quel mondo che fa parte.
Dopo essersi svegliata senza vita, senza ricordi e con solo il suo nome a cui aggrapparsi, Juniper ha trascorso ogni giorno della sua esistenza lottando contro la solitudine e gli inconvenienti dell'essere un fantasma.
Quando le sue effimere sicurezze collidono con la sconvolgente verità che si cela dietro gli occhi di un misterioso ragazzo sperduto, Juniper dovrà lottare per non andare in pezzi e trovare la forza per compiere delle scelte che potrebbero cambiarla per sempre.


In poche parole questo è il romanzo con il quale, dopo tante rinunce, dopo tanto lavoro e tanta speranza Glinda Izabel vince il concorso letterario I-Fantasy creato dalla casa editrice Fazi con la conseguente pubblicazione a breve.







CARISSIMA GLINDA



A seguito del suo grande successo con il contest, Glinda ha firmato il contratto di rappresentanza con la nota agenzia letteraria TZLA e quindi -per la nostra felicità- la dolce blogger non si fermerà a questa pubblicazione; è poco ma è sicuro che non ci libereremo facilmente di lei.

Glinda ha deciso di accettare la mia proposta e fare quattro chiacchiere con me e con voi per scoprire qualcosa di più su di lei ma sopratutto per leggere del suo sogno divenuto realtà.

Raccontaci chi è davvero la blogger Glinda Izabel e com'è nata la tua passione per la lettura e per la scrittura.
Mia cara Eilan, è davvero una bella domanda la tua. Glinda Izabel è una ragazza di ventotto anni con l'aspetto di un'adolescente imbronciata, una sognatrice incallita che adora perdersi tra le pagine di romanzi pieni d'amore, tra le pellicole di film pulp o fantascientifici, tra le note di buona musica d'altri tempi e tra le immagini di telefilm pieni di zombie e antieroi. 
La mia passione per la lettura è nata così come è nata quella per la vita: sono una persona assetata di nuove esperienze e i romanzi me ne regalano a bizzeffe. Da piccola avevo una fissazione per le Fiabe Sonore e mi scioglievo in lacrime ogni volta che i protagonisti si trovavano in una situazione spiacevole. Così ho deciso di scrivere una fiaba tutta mia con la macchina da scrivere del mio dolce nonno materno. Quando i fogli furono pieni di avventure, macchie d'inchiostro e lettere cancellate a penna, decisi che scrivere era un'esperienza meravigliosa di cui non mi sarei più privata.

Carissima Glinda, cosa si prova a veder il proprio sogno trasformarsi in realtà?
Si prova una gioia immensa, indescrivibile e incessante. I sogni sono la chiave per poter vivere una vita ricca di sorprese e felicità. Custodirli e coccolarli è un nostro dovere e un privilegio a cui nessuno dovrebbe rinunciare, perché tutti devono poter provare quella folle euforia che accompagna la loro realizzazione.
Il mio sogno, dolce Eilan, si è in effetti avverato e non potrei esserne più fiera. Ma in realtà io sono solo all'inizio di una splendida avventura che spero possa portarmi tante soddisfazioni. Ciò che mi auguro è che tutti coloro che mi leggono, che mi seguono e in qualche modo hanno gioito con me per la realizzazione dei miei traguardi, possano veder avverarsi i propri sogni più brillanti.

Quando eri bambina, avresti mai pensato che saresti diventata una delle blogger maggiormente seguite e ora anche un’autrice il cui lavoro è atteso da moltissimi lettori di genere?
Be', no! Non mi aspettavo nulla del genere sinceramente. Non che da bambina volassi basso con la fantasia, sia ben chiaro. Ero convinta che sarei diventata una cantante famosa in tutto il mondo, che avrei sposato Michael Jackson (sì, lo so ho degli strani gusti) e che avrei avuto una casa nella Valley. Crescendo mi sono scoperta troppo timida per poter cantare in pubblico. Ricordo di aver partecipato a un concorso canoro a otto anni e la sola idea di esibirmi mi ha mandata totalmente nel panico e lì ho capito che la mia inclinazione artistica avrebbe dovuto trovare altri modi di esprimersi. Ma dire che mi aspettassi l'immensa soddisfazione e il calore che provo quando mi rendo conto di aver ottenuto determinati risultati solo grazie alle mie forze, sarebbe una bugia. Non ho mai saputo cosa si provasse a essere apprezzati per ciò che si è, a toccare il cuore della gente con le proprie parole e a essere circondati dall'amore di un pubblico così attento e affettuoso. 
Sono stata una bambina triste con una situazione familiare difficile da gestire e mi nutrivo di sogni molto fantasiosi di difficile realizzazione, mai avrei pensato di poter un giorno godere di tanta gioia e realizzazione.

Se Glinda fosse un romanzo tra quelli che ha letto finora, quale sarebbe e soprattutto perché?
Oh, ma non puoi davvero chiedermi questo. Non puoi. Non potrei mai essere un solo romanzo, è una cosa impossibile. Sarei un po' "Colpa delle stelle" per i discorsi assurdi in cui amano perdersi i protagonisti e, purtroppo, anche per l'esperienza del cancro che ha segnato brutalmente la mia famiglia. Sarei un po' "Uno splendido disastro" per l'amore folle che incendia il cuore di Travis e perché, diamine, vorrei davvero conoscerlo quel ragazzo. Sarei un po' "Il ritratto di Dorian Gray" per la decadente e sensuale bellezza delle parole usate da Wilde e un po' "Storia catastrofica di te e di me" per l'incredibile magia che si cela tra le sue pagine. Sarei un po' "The Sky Is Everywhere" perché desidero da matti un Joe Fontaine che sventoli le sue ciglia per me chiamandomi John Lennon e un po' "Shadowfever" per la stupenda costruzione dei mondi fantastici e per poter guardare Jericho Barrons negli occhi. Potrei davvero andare avanti all'infinito, Eilan. 

Ora che il tuo desiderio si è realizzato quali saranno i tuoi nuovi progetti?
Ora che ho realizzato il sogno di firmare con una delle migliori Agenzie Letterarie in circolazione, inizia un nuovo cammino che dovrò intraprendere con determinazione. I miei progetti riguardano la stesura di una nuova storia di genere "paranormal" che mi gira in testa da lungo tempo ormai. Non posso svelare assolutamente nulla su di essa, altrimenti rischierei di destare le ire degli dei della scrittura con cui ho fatto un patto, ma posso affermare di crederci moltissimo e di non essere l'unica che è affascinata dalle sue atmosfere dark. In futuro invece mi piacerebbe dedicarmi anche a una storia romance per new adult, un po' sulla scia dei romanzi che stanno facendo faville negli  Stati Uniti, insomma. Le idee sono tantissime, i progetti infiniti. Devo solo augurarmi di avere la costanza di perseguirli tutti!

Quale consiglio ti sentiresti di regalare a chi vuole aprire un blog letterario e a chi invece desidera pubblicare un proprio lavoro?
Il mio consiglio in entrambi i casi è questo: abbiate pazienza, abbiate passione, credete in voi stessi e nel vostro lavoro, non lasciate che un rifiuto vi distrugga e non lasciate che nessuno si approfitti della vostra buona fede. Non accettate compromessi scomodi e restate sempre coerenti a voi stessi, sarà la vostra arma più forte contro gli imprevisti del cammino.
Aprire un blog letterario vuol dire aprire il proprio cuore al pubblico e questa, secondo me,  è una cosa che non si deve mai dimenticare. Chi ha voglia di condividere la propria passione con il mondo della rete deve essere preparato a lottare per spiccare nel marasma di blog tutti simili che imperversano ovunque e sono certa che la chiave per farsi notare sia quella di essere sempre onesti e originali.
Creare una storia, invece, è un vero e proprio lavoro e in esso bisogna investire tutte le proprie energie. Ciò che ho imparato avventurandomi nel mondo della letteratura è che scrivere non basta. Non è sufficiente avere una bella trama in testa per avere la certezza di vederla impressa sulle pagine di un libro. Spesso si finisce per chiudersi nel proprio mondo, quasi accanendosi sulla propria fantasia, con il fine ultimo di aver tra le mani uno scritto in cui riporre tutte le proprie speranze. Ma questa non è sempre la via giusta, non per tutti gli aspiranti autori almeno. A mio parere, infatti, è fondamentale mettersi in gioco e cercare di comprendere le esigenze del mercato impegnandosi per andare in contro ai gusti dei lettori senza rinunciare alla propria individualità, fare ricerche su ricerche per poter rendere il proprio scritto credibile e affidarsi a un bravo agente letterario che sappia seguire tutto il percorso di scrittura e pubblicazione dell'opera.


Cari lettori del mio blog, questa intervista ho voluto tanto scriverla perché io sono la prima ad aver bisogno di credere ancora che la vita triste e a volte, anzi molto spesso, difficile, dura e inconcludente possa ancora riservare grandi piaceri e tante soddisfazioni. Sognare ancora, credere in qualche desiderio particolare che ci permette di alzarci il mattino e arrivare a sera, chiudere gli occhi prima di andare a dormire e pensare: domani il mio sogno potrebbe avverarsi. Questa è una buona ragione per aggrapparsi alla vita. Il messaggio che volevo mandarvi è proprio questo. Non prendetemi a esempio perché io sogno, sogno tanto ma sono anche una pessimista nata e, quando tutto è diventato per svariati motivi più difficile, non ho mai smesso di sognare ma ho perso la convinzione che i miei sogni avrebbero preso vita. Devo ringraziare questa gentile blogger se sono tornata a credere nei miei sogni.
Glinda continua così e non smettere mai di essere la sognatrice che sei!
Eilan Moon ti augura:


per tutte le tue prossime creazioni!


Non dimenticate di passare a fare una visitina all'autrice di "Shades of life" nel suo angolo magico dove i libri trovano casa.












© 2016 - 2012 Storie di notti senza luna di Eilan Moon.

All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati.
Licenza Creative Commons Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. La distribuzione del materiale presente su questo blog è vietata senza previa autorizzazione dell'autrice. Per questo scopo potete contattarla attraverso il modulo di contatto. Tutte le immagini presenti sul blog sono state reperite nel web e successivamente rielaborate, qualora l'utilizzo delle suddette violasse un qualsiasi copyright siete pregati di farcelo sapere al fine di rimuoverle immediatamente.
Grafica creata da Eilan Moon. Powered by Blogger.